Il Tornatora

Strootman: “Siamo partiti meglio rispetto all’anno scorso. I nuovi vogliono essere subito protagonisti, è una cosa importante. Se non mi mandano via resto alla Roma”

di Redazione

Kevin Strootman, centrocampista della Roma, è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia della partita contro il Tottenham. Queste le sue parole:

Come vi sentite dal punto di vista atletico? Nella prossima partita salirete di un gradino sotto questo punto di vista?
Sì abbiamo provato bene in questi giorni, siamo partiti meglio rispetto all’anno scorso. Non siamo andati a Pinzolo, abbiamo fatto due amichevoli, questo è un vantaggio. Significa che siamo sulla strada giusta per iniziare il campionato.

Chi ti ha impressionato dei nuovi?
E’ una domanda difficile. Tutti quelli che sono venuti stanno lavorando bene, chi ha più chi meno esperienza. Non è facile arrivare in una nuova squadra e far vedere che c’è qualità in ogni allenamento e in tutte le partite ma stanno facendo bene e vogliono essere da subito nella nostra squadra. Questo è importante, il nostro direttore sportivo ha fatto un lavoro importante e dovremo fare vedere di essere competitivi per tutto il campionato.

Si è parlato di trasferimenti. Tu resti alla Roma?
Io non ho parlato mai di queste cose, ho fatto un’intervista dopo la Nazionale. Un anno fa ho rinnovato il contratto per 5 anni, voi giornalisti parlate ma io non devo rispondere sempre. Qua sono felice e se non mi vogliono mandare via rimango alla Roma.

Il rapporto con Coric…
Lui è nuovo, lo conosco da due settimane. E’ un ragazzo molto umile, ha paura, ieri mi ha detto di voler fare un tunnel a un giocatore con più esperienza (ride, ndr). E’ bravissimo ad allenarsi, se parliamo di qualità è uno dei migliori che abbiamo nella squadra insieme a Pastore, deve solo crescere dal punto di vista fisico. E’ un ragazzo con qualità, è molto umile, sarà molto importante per noi e darà qualcosa in più quest’anno al nostro centrocampo.

Tra questi nuovi acquisti, dal punto di vista caratteriale, hai trovato qualche tuo erede? E’ andato via uno come Nainggolan…
Nainggolan è un giocatore con carattere, un lottatore. Purtroppo è difficile dire se qualcuno ha qualità come lui per come lottava in campo. Io penso che Marcano abbia la mentalità giusta, lotta, vuole sempre vincere. Penso che tutti i giocatori vogliono sempre vincere, pure io, dicono che sono sempre incazzato (ride, ndr). Spero che i nuovi acquisti possano fare meglio di Radja, sarà difficile, ma penso che i nuovi acquisti possano dare tanto.

Un difetto di Di Francesco?
E’ difficile rispondere con lui accanto. Forse quando durante la partitella fa l’arbitro e mi fischia contro (ride, ndr).

E’ cambiato qualcosa nella tattica guardando il Mondiale?
Anche io ho visto qualche partita, alcune partite sono state migliori di altre. Guardarle da fuori non è stata come esserci. Dal punto di vista tattico non ci sono stati grossi cambiamenti, la Croazia era forse inferiore rispetto ad altri a livello tattico ma è riuscita a fare un gran Mondiale.

Ci sono stati gli arrivi di Ronaldo e Ancelotti…
Credo sia positivo per il calcio italiano un arrivo come quello di Ronaldo, anche se va a rafforzare la Juventus. Anche Ancelotti dà maggiore prestigio al calcio italiano per come viene visto dall’estero.

La tua aspettativa rispetto a domani? San Diego è adatta per il calcio?
Lo stesso vale anche per me, non so quale sia il suo rapporto con il calcio, ma ci ha fatto piacere vedere sugli spalti i tifosi della Roma. Speriamo di fare una bella partita domani.