Il Tornatora

Lo stadio della Roma, respinte dalla Giunta quasi tutte le richieste dei Municipi

di Redazione

Juventus - Roma

Accolte dalla Giunta capitolina solo 3 delle 17 richieste di modifica avanzate dai municipi IX (15) e XI (2) nelle controdeduzioni sulla delibera sullo studio di fattibilità dello stadio della Roma a Tor di Valle e respinte tutte le osservazioni. La Giunta, infatti, ha dato l’ok a tre richieste, una del municipio IX e due del municipio XI, queste ultime sullo stesso argomento ovvero la «realizzazione dell’adeguamento del sottopasso ferroviario di via Luigi Dasti, qualora lo stesso non sia compreso tra gli interventi previsti per la realizzazione dello svincolo con la Roma-Fiumicino.

L’unica del IX municipio chiede l’aggiunta dopo la frase »potenziamento dell’offerta di trasporto pubblico su ferro a servizio dell’area Tor di Valle e della città« l’aggiunta di »con frequenza di 16 treni/ora nelle fasce orarie di punta giornaliere«. Tra le controdeduzioni del IX Municipio e non accolte, la richiesta che la manutenzione del parco Fluviale sia »in manutenzione a cura del proponente o concessionario nella sua interezza« (non accolta »in quanto l’area oggetto della richiesta è esterna al perimetro della proposta di intervento, l’atto è finalizzato alla dichiarazione di pubblico interesse, quindi le forme di manutenzione e gestione del parco saranno definite con atti successivi«); la richiesta di »prevedere che il sovrappasso pedonale dell’area verde pubblico fino alla stazione Tor di Valle -Decima sia anche ciclabile con rampa di innesto in piazza Tarantelli« (non accolta »in quanto già risulta nel dispositivo«). E ancora: respinta la richiesta di inserire »prevedendo: la sistemazione del sottovia di accesso al quartiere Torrino via Fosso del Torrino e il completamento delle esistenti rampe tra il Ponte/Viadotto della Magliana e la via del Mare.

Da valutare in conferenza dei servizi decisoria, l’opportunità di unificazione della viabilità ovvero trasformarle ognuna con un proprio senso di marcia da viale Marconi al Gra« (non accolta in quanto »il dispositivo prevede che il progetto definitivo della proposta di intervento recepisca le prescrizioni, condizioni, indicazioni contenute nei pareri rilasciati dagli uffici e dagli enti intervenuti nelle conferenze dei servizi interna ed esterna«); e respinta la richiesta che »il proponente in accordo con AS Roma Spa avrà l’onere di realizzare, senza onere alcuno per l’amministrazione pubblica, sei impianti sportivi nei quartieri popolari« (non accolta »in quanto il presente atto è finalizzato alla dichiarazione di pubblico interesse e le opere richieste non sono pertinenti perché non riconducibili ad alcuna delle opere oggetto del presente studio di fattibilità«). Recepita per metà, invece, la richiesta sempre del IX Municipio che chiedeva che »la diramazione della metro B fino a Tor di Valle deve essere concepita nella prospettiva di una prevezione di collegamento con la stazione della FL1 di Muratella«. Per quanto riguarda le osservazioni, invece, tutte respinte principalmente perché »il presente atto è finalizzato alla dichiarazione di pubblico interesse« o perché l’osservazione specifica »risulta già accolta nel testo di deliberazione« come l’osservazione di conferma »tra le opere di mitigazione ambientale, la barriera verde di mitigazione percettiva e olfattiva a confine con l’impianto di depurazione pre-esistente, opera di interesse dei cittadini di Torrino e Decima« e l’osservazione che chiede: »in considerazione dell’attuale mancata previsione di realizzazione della linea metro D, appare opportuno modificare la linea FL1 in metropolitana leggera di superficie per una connessione migliore tra il quadrante ovest e quello est della città«.

 

Online-news.it