Il Tornatora

Stadio, nuova bocciatura sui trasporti a Tor di Valle. Pallotta cerca altre zone

di Redazione

Non c’è solo la crisi di Eurnova, la società proponente che fa capo a Luca Parnasi nella quale si è appena dimesso in blocco il Cda. Oppure il grande freddo dei rapporti con il Campidoglio, con i contatti sospesi almeno fino a settembre. Sullo stadio della Roma a Tor di Valle, ogni giorno, arriva un problema in più. L’ultimo, che avrebbe anche scatenato le ire del patron giallorosso James Pallotta, è la bocciatura da parte dei tecnici del Campidoglio dei progetti sulla viabilità alternativa presentati dai privati. La Roma e i proponenti avrebbero voluto aprire l’impianto anche senza i lavori già fatti sulla Roma-Lido. Il Campidoglio ha sempre risposto picche, chiedendo almeno di presentare delle soluzioni alternative. Solo che, quelle prospettate dei privati, non sono state ritenute sufficienti a risolvere la questione. Viste tutte queste difficoltà, nella testa di Pallotta (che, secondo alcune ricostruzioni, sarebbe irritato anche con la dirigenza italiana della Roma) si starebbe facendo sempre più strada un’ipotesi: non rinunciare allo stadio, ma provare a realizzarlo non più nel Comune di Roma. Lo riporta Il Messaggero.