roma-sampdoria_holebas-eder0

«Sarà una partita difficile, loro stanno facendo un grande campionato, ma come abbiamo vinto a Roma potremmo farlo al San Paolo. Benitez ha uno degli attacchi più forti della Serie A, ma noi siamo bravi nelle ripartenze». L’attaccante della Sampdoria, Eder, punta a riprendersi con il Napoli i punti persi in casa contro il Cesena, uno 0-0 che complica la corsa della Sampdoria a un posto nella prossima edizione dell’Europa League: «Bisogna ripartire dalla prestazione e andare a Napoli per fare gol. Contro il Cesena abbiamo provato a vincere -aggiunge il numero 23 a Samp TV-. Se riesci a sbloccare partite così poi magari vinci 3-0, ma non siamo stati fortunati e alla fine abbiamo rischiato di prendere gol sui loro contropiede. Per fortuna su Defrel è stato bravo Obiang: potevamo perdere come è accaduto alla Fiorentina, quindi siamo comunque contenti per il punto». Contro i romagnoli Mihajlovic ha provato a giocare con le 4 punte: «Sabato eravamo equilibrati, abbiamo creato tanto, ma il Cesena era molto chiuso. Non so se riproveremo questo modulo, dipenderà dal mister»

Tra le stelle del Napoli brilla anche quella dell’ex doriano Manolo Gabbiadini: «Insieme abbiamo fatto buone cose -dice Eder- e siamo felici che sia andato a Napoli, ma spero che domenica non segni». L’italo-brasiliano chiude parlando della nazionale con la quale ha esordito lo scorso marzo in Bulgaria: «Vestire quella maglia fa provare emozioni uniche. È un onore indossarla, poi segnare è stata un’emozione incredibile. Conte non lascia nulla al caso, mi sono trovato bene con lui, come mi trovo bene con Mihajlovic. Adesso però penso a fare bene con la Samp, mancano ancora tanti punti alla fine ed è ancora tutto aperto. Squadre come il Torino e il Genoa sono lì, ma noi dobbiamo pensare solo a noi stessi».

(AdnKronos)