Roma al minimo. Giovani al potere

Il Messaggero (U.Trani) – Ecco finalmente la Roma di Mourinho. La terza amichevole, contro la Triestina, va in diretta tv ed è stata visibile anche per mille tifosi allo stadio. La novità è soltanto Mourinho, che non è poco, ma i giocatori sono quelli del passato. Rui Patricio è rimast a Trigoria con gli infortunati Calafiori, Darboe e Veretout. Vince la Roma per 1-0 con prestazione non esaltante. La firma è di Nicola Zalewski, pupillo di Zibi Boniek. La certezza è il 4-2-3-1 dinamico come piace a Mourinho. Se c’è da difendersi si vede l’equilibrato 4-4-2 anche per cancellare la fragilità difensiva mostrata con Fonseca. Nella fase offensiva invece largo al 3-2-5. Nel primo tempo c’è il top in attacco con il rombo offensivo formato da Dzeko, Pellegrini, Zaniolo e Mkhitaryan. In più c’è Reynolds a destra in costante proiezione offensiva.

Davanti si vede il pressing, ma Mourinho è concentrato sui due centrocampisti. Chiede circolazione rapida e verticalizzazione anche forzata, senza preoccuparsi del possibile errore. Dietro nessun rischio, in attacco nessun pericolo. Vivace Dzeko anche da rifinitore. Zaniolo fisicamente è in rodaggio, ma sta bene anche se poi fa arrabbiare Mourinho per la reazione dopo il fallo di Lopez. Nella ripresa subito il gol di Zalewski che indirizza la partita. Il ritmo è più alto con un intraprendente Karsdorp. Intanto il club sta ragionando se far arrivare Vina direttamente a Roma dove dovrà restare 5 giorni in quarantena, oppure se dirottarlo direttamente in Portogallo. La società preferirebbe si presentasse in Italia per fargli svolgere le visite mediche in una struttura di sua fiducia.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE

I più letti