Enrico Preziosi

Il presidente del Genoa, Enrico Preziosi, ha rilasciato alcune precisazioni, ai microfoni di RadioRadio, su quanto detto ieri nel post partita di Genoa-Roma: “Non capisco chi mi abbia messo in bocca queste dichiarazioni. Hanno estrapolato delle frasi da un contesto, chiedete alla giornalista. Mi hanno chiesto della mafia, ma ho risposto che non so nulla e questo non vuol dire che ho tirato in ballo chissà cosa. Ho solo detto, dopo la delusione della partita, che Banti è stata una iattura e questo lo confermo, abbiamo perso il 90% della gare con lui. Non ho nulla contro la Roma, ho ottimi rapporti con loro e con tutte le altre società, non capisco perché un giornalista o un giornale abbia estrapolato quelle frasi che mai ho detto. Io ho detto che a Roma sta accadendo un casino, spero non sia coinvolto anche il calcio, ma non intendevo che la mafia sta nel calcio, è il giornalista che ha capito questo. La Roma ha meritato di vincere, però se avessimo giocato 11 contro 11 sarebbe stato diverso. Mi hanno attribuito delle frasi mai dette. L’unica mia pecca è stata quella di alimentare un’illazione della quale non voglio più parlare. Il rigore era nettissimo, non c’era l’espulsione di Perin secondo me e non c’era nemmeno l’ammonizione su Perotti ed il fuorigioco su Sturaro e questo ha cambiato il match“.