Prandelli: «La Roma è un grande rammarico. Sarebbe stata una strada importante»

di Redazione

Cesare Prandelli, allenatore del Genoa, ha rilasciato un’intervista al Corriere dello Sport. Il tecnico ha parlato del suo passato e della Roma, considerata un grande rimpianto. Le sue parole:

Juve e Roma restano i tuoi due appuntamenti mancati…
«Il rammarico è più per la Roma. Sarebbe stata una strada importante».

Lasciasti dopo il ritiro per la malattia di tua moglie, ma dissero che l’impatto con la città e lo spogliatoio non era stato dei migliori…
«Fu esaltante. Il ritiro in Austria andò alla grande. La gente ci seguiva. Ho un magnifico ricordo della famiglia Sensi, in particolare di Rosella che mi fu molto vicina. Mia moglie doveva fare delle terapie intensive e non se la sentiva di curarsi in una città dove non conosceva nessuno. Volle restare a Cremona, dalle sorelle, la mamma, gli amici».

Si parlò di problemi con Cassano…
«Si disse anche che litigai con Totti. Non esiste. Quattro giornalisti di Roma sono venuti al funerale di Manuela e mi hanno chiesto scusa per quello che avevano scritto. Ho apprezzato molto».