Nuovo stadio a Tor di Valle, la denuncia di Legambiente

Ippodromo Tor di Valle

 

 

«Altro che hotel, suites, museo e parcheggio vip, il sondaggio della As Roma sul nuovo stadio a Tor di Valle strumentalizza la passione dei tifosi per una bella speculazione edilizia. Pochi giorni fa è arrivata la conferma che un costruttore è il perno dell’operazione, ma in assenza del progetto, delle cubature previste, del piano economico è impossibile valutare di cosa si stia parlando. Chiare sono invece le innumerevoli problematiche per l’area di Tor di Valle, che comprende aree agricole e vincolate non suscettibili di trasformazione urbanistica, se non con un’ importante modifica dell’attuale piano regolatore che dovrà passare al vaglio degli organi comunali, provinciali e regionali oltre che delle Sovrintendenze prima di essere approvato. Non si pub continuare a giocare con le passioni dei tifosi, realizzare stadi di proprietà delle società del pallone nella Capitale non ha alcun interesse pubblico, serve solo a provare a cambiare destinazione d’uso a terreni non edificabili raggranellando un bel mucchio di soldi». Lo dichiara in una nota Lorenzo Parlati, presidente diLegambiente Lazio.

Legambiente ricorda la situazione di Tor di Valle – prosegue il comunicato – per come è negli strumenti urbanistici vigenti», facendo emergere tutta una serie di criticità che potrebbero addirittura bloccare il progetto. «La costruzione del nuovo stadio a Tor di Valle risulterebbe una nuova colata di cemento – spiega la consigliera regionale di Pl Cristiana Avenali – Basti pensare che le cubature per lo stadio della Roma sarebbero 47 volte superiori a quanto il Piano regolatore indica nella Tenuta di Tor di Valle. Un’ipotesi che, se confermata, oltre che essere inutile sarebbe dannosa per la città di Roma»

 

Il Messaggero

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE

I più letti

CLASSIFICA SERIE A