Il Tornatora

L’allungo di Kean. Roma, è lui l’uomo del futuro?

di Redazione

Il modulo è sostanzialmente lo stesso dell’Everton e Moise Kean ha giocato quasi sempre centravanti, qualche volta trequartista esterno a destra. La Roma avrebbe bisogno di un giocatore così versatile, da sfruttare in abbinata a Dzeko o al suo posto quando il bosniaco dovrà riposare. L’azzurrino è prima di tutto un centravanti e quindi sarebbe innanzitutto un’alternativa ad Edin, per sfruttare il suo istinto e i movimenti da attaccante puro. Con lui troverebbe spazio per andare dentro anche Pellegrini, dato che Kean sa giocare anche spalle alla porta per gli inserimenti da dietro. Si avvarrebbe delle giocate di fantasia di Mkhitaryan. A parlare di lui è stato il c.t. Nicolato, “Moise deve conciliare talento, motivazione e tranquillità, non è facile. Come altri deve imparare a concentrare le sue energie solo sulla partita. In questi giorni è stato perfetto: con me si muove bene nel gruppo, ha voglia di giocare. Non è facile gestire tutto questo interesse, questa pressione. E non è detto che tornando in Italia giocherebbe di più“. Lo scrive la Gazzetta dello Sport.