Il Tornatora

La coop Roma produce pochi gol: ora servono più sacrifici e qualità

di Redazione

Non era previsto che la Roma perdesse tre partite su cinque fra le prime del 2020. Non era previsto soprattutto che un gruppo plasmato da un allenatore “offensivista” come Fonseca producesse con i suoi 9 uomini d’attacco in 20 giornate di campionato appena 24 gol. Uno in più del solo Ciro Immobile, spauracchio del derby di domenica. In campionato Dzeko ha segnato 8 volte, Zaniolo 4, Perotti, Kluivert e Mkhitarian 3, Under 2, Pellegrini 1 e Pastore e Kalinic zero. Il bosniaco, tranne nella stagione con Spalletti, non è mai stato un cannoniere implacabile, ma la dirigenza si aspettava di più da giovani come Under e Kluivert. Una cosa è certa: per il tipo di gioco che Fonseca propone, la Roma segna in quantità omeopatica e il portoghese ormai sa che questo è un alibi da superare. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.