Il preparatore di Schick: “Abbiamo lavorato sulla respirazione, uno dei limiti di Patrik. Adesso sta a lui dimostrare quanto vale”

di Redazione

Michal Bretenar, preparatore di Patrik Schick, ha parlato ai microfoni di iSport.cz a proposito del lavoro pre-ritiro fatto dal proprio assistito. Queste le sue parole:

Dove avete lavorato nel pre-stagione?
Prima di tutto abbiamo lavorato sulla respirazione, uno dei grandi limiti di Patrik. Mi ha conosciuto tramite un amico in comune, un lottatore di K1. Abbiamo fatto i test iniziali, attivato il corpo per eliminare i danni muscolari e lavorato sul metabolismo per 3 settimane, anche se sarebbe stato meglio farlo per 2 mesi.Prima di tutto si è trattato di comprendere il lavoro con inspirazioni ed espirazioni, con una fornitura regolare di ossigeno. Abbiamo voluto rafforzare il muscolo cardiaco, aumentare la capacità di usare l’ossigeno nei muscoli e ci siamo anche concentrati sull’aumento della forza degli arti inferiori. Grazie alle scatole Moxy, Patrik ha potuto conoscere i suoi limiti.

Qual è l’obiettivo di tale preparazione?
L’obiettivo è portarlo al limite, senza sovraccaricarlo. Lui ha fatto tutto da grande professionista. Se non gli avessi detto stop avrebbe continuato. Mi piacerebbe pianificare una visita a Roma per seguire Patrik nella sua routine quotidiana. Sarebbe una grande esperienza per me. Vediamo nella pausa di settembre

Quali sono i limiti di Patrik?
E’ debole negli arti inferiori e nella capacità di sfruttare l’ossigeno. Ha un buon muscolo cardiaco, ma il corpo non è in grado di elaborare la quantità di ossigeno che pompa. Non sottovaluto queste cose. Il lavoro si basa anche sulla frequenza cardiaca e il lavoro del cuore sotto stress. Cosa penso? A volte alcune persone sotto stress possono mostrare un’aritmia. Lui in 3 settimane non ha mostrato nulla, era tutto regolare. Adesso sta a lui far vedere quanto è forte.