Pagine Romaniste

Il muro Alisson

di Redazione

Corriere dello Sport (R.Maida) – Per quanto possa apparire bizzarro, Alisson è già un argomento di discussione social. Sarà davvero all’altezza della Roma? Non sarebbe stato meglio comprare Szczesny? Siamo tranquilli con i portieri? Incredibilmente e autolesionistico: è bastata una serata storta contro il Siviglia, nella quale in effetti il nostro uomo ha preso due gol sul suo palo, per alimentare il dubbio nella testa di molti tifosi. Ma è bene chiarirlo prima che arrivino le partite vere: la Roma è sicura al cento per cento delle qualità di Alisson e non intende in alcun modo ridimensionarne la figura centrale nel percorso della squadra. Dopo un anno di apprendistato, sia l’allenatore sia i compagni sanno che del loro portiere possono fidarsi senza problemi.

NUMERI – Del resto Alisson, che ha soltanto 25 anni ma da almeno due gioca titolare nella nazionale brasiliana, ha dimostrato anche nella scorsa stagione da numero 12 di essere rassicurante. Non ha ancora debuttato in Serie A, grazie alla continuità di prestazioni di Szczesny, ma in Europa League è stato quasi sempre all’altezza della situazione e in un caso, proprio la partita di Lione che costò la qualificazione a causa di una sconfitta rotonda (4-2), le sue parate furono decisive per evitare il disastro. Considerando anche la Coppa Italia ha subito 19 gol in 15 partite, tenendo una media non lontanissima da Szczesny (41 reti incassate in 39 partite): 1,26 contro 1,05. Merita insomma fiducia e persino il diritto di sbagliare, specialmente durante le amichevoli estive che sotto il profilo dei risultati non contano nulla. Per questo la Roma è disposta ad accettare eventuali offerte per il polacco Skorupski, che ha pretese da titolare dopo due anni vissuti da protagonista a Empoli. Su Alisson a Trigoria scommettono senza paura.

IN CAMPO – Di Francesco lo schiererà anche stasera a Vigo, nell’ultimo test prima del campionato contro il Celta. Ma siccome l’amichevole capita tre giorni dopo la fatica di Siviglia, sono previsti molti cambi nella formazione titolare. Oltre a Cengiz Ünder, di cui parliamo a parte, dovrebbero essere stravolti centrocampo e difesa. In mezzo addirittura sono attese tre novità su tre, con una chance per Gerson di cui l’allenatore ha elogiato i progressi ieri rispondendo sul sito della Roma alle domande dei tifosi: «È un giocatore che seguivo quando ero al Sassuolo. Lo volevano Juventus e Barcellona eppure è qui con noi. L’anno scorso non si è espresso al massimo ma ha grandi potenzialità. Mi auguro di valorizzarlo al meglio, è il mio compito». Giocheranno anche Lorenzo Pellegrini e Gonalons, che al Sanchez-Pizjuan sono entrati nell’ultima mezz’ora. Quanto alla difesa la coppia centrale dovrebbe essere composta da Fazio e Juan Jesus, come a Boston contro la Juventus. La squadra si è allenata ieri sera alle 19 per minimizzare gli effetti nefasti della calura andalusa e stamattina si sposterà con un volo charter verso Vigo, che si trova nel nord-ovest della Spagna. Subito dopo la partita, che comincerà alle 19.30, rientrerà in Italia.