Il Tornatora

Il declino di Nzonzi, da campione del mondo a corpo estraneo nella Roma

di Redazione

Un anno fa viveva la notte più bella della sua vita sportiva, vincendo il Mondiale con la Francia giocando ben 36 minuti nella finale contro la Croazia. Oggi la situazione è radicalmente cambiata, basta vedere il francese in questi giorni a Trigoria, un corpo completamente estraneo al gruppo. Voluto da Monchi lo scorso agosto e prelevato dal Siviglia, il gigante di origine congolesi ha collezionato 39 presenze in stagione ma raramente ha inciso. Ha pagato colpe sue, l’incapacità di adattarsi all’ambiente e l’annata disastrosa dei giallorossi e oggi il suo futuro è sempre più lontano da Roma. Lo riporta La Gazzetta Dello Sport.