Il Tornatora

Fonseca dirige i lavori: è un ritiro low profile

di Redazione

Fonseca ha chiesto alla società di chiudere i cancelli e lasciare fuori dal centro sportivo di Trigoria giornalisti e telecamere. La Roma è ripartita da zero con un profilo basso. Anche lo scorso anno il ritiro si era svolto a Trigoria, ma era stato allestito uno studio per la tv del club per seguire da vicino le vicende dei giocatori. Quest’anno appare tutto più sobrio con la seduta in onda per appena 15 minuti ed è un segnale che il club vuole dare all’ambiente. La parola d’ordine è lavoro e l’ha ribadita Fonseca in un discorso di 7 minuti alla squadra che era disposta a semicerchio a centrocampo. Il senso era: chi non è motivato a lottare per la Roma e dedito alla causa non può far parte del progetto, seguendo le regole tutti si potranno levare tante soddisfazioni. Il ds Petrachi ha osservato tutto. Fonseca è apparso attento a ogni particolare e non si è fatto sfuggire un movimento, un sorriso o una battuta dei giocatori. Assente il nuovo portiere Pau Lopez, in via di risoluzione alcuni aspetti burocratici con il Betis, mentre sono fuori dai convocati Marcano e Bianda essendo al centro di trattative di mercato. Ufficializzata l’amichevole a Perugia contro la squadra di casa, il 31 luglio, e contro il Lille il 3 agosto. Da definire un test contro la Primavera e un’altra amichevole a Perugia contro il Valladolid l’8 agosto. Lo scrive Il Messaggero.