Pagine Romaniste

Che fine hanno fatto? Roma Primavera 2018/19

di Redazione

Pagine Romaniste  (S. Valdarchi) – Quante volte vi è capitato di tornare indietro con i ricordi, ripescare una giovane promessa romanista e chiedervi: che fine ha fatto? Con il calcio giocato fermo a causa del Coronavirus, Pagine Romaniste ha deciso di rispondere ai vostri dubbi, risparmiandovi le ricerche e raccogliendole in una serie di articoli. Nei prossimi giorni ripercorreremo a ritroso le annate della Roma Primavera, andando a scovare il presente di coloro i quali hanno indossato la maglia giallorossa nelle giovanili. Partiamo con la prima puntata, facendo un solo passo indietro e andando ad analizzare la rosa che formava la Roma Primavera versione 2018/19. Essendo passati soltanto pochi mesi, le sorprese non saranno molte, ma vedrete che in questo nostro viaggio nel tempo lo stupore non mancherà.

Stefano Greco

Nella scorsa estate, l’estremo difensore originario di Galatina è stato ceduto in prestito alla Vibonese, squadra che milita in Serie C. Ha accumulato ben 20 presenze, aiutando la sua squadra a rimanere vicina alla zona play-off. A giugno terminerà il suo prestito e farà ritorno a Trigoria.

Daniel Fuzato

Dopo qualche apparizione nel Primavera 1 l’anno scorso (4 di preciso), Fuzato è entrato in pianta stabile nella rosa della Prima Squadra, come terzo portiere a disposizione di Paulo Fonseca. Nonostante non abbia ancora esordito, di lui si parla un gran bene ed a novembre scorso è stato addirittura convocato dal Brasile per le amichevoli contro Argentina e Corea del Sud. Solo panchina anche in Seleção, perché a difendere i pali dei verdeoro c’era un’altra vecchia conoscenza romanista: Alisson.

Alessio Pagliarini

Dopo i sei mesi (da gennaio a giugno 2019) in prestito al Giulianova in Serie D, si è svincolato in estate e rimane attualmente senza contratto.

Emanuele Zamarion

Il portiere classe 2000 è stato confermato ed è tutt’ora a disposizione di mister De Rossi. 9 partite da titolare per lui, tra campionato e Coppa Italia, nella stagione sportiva in corso.

Pietro Boer

Arrivato l’estate del 2018 dal Venezia all’età di 16 anni, è stato messo a disposizione quest’anno dell’Under 18 romanista. In alcuni casi però è stato anche convocato dalla Primavera, senza scendere in campo.

Andrea Trovato

Anche lui giovanissimo (nato ad aprile del 2002) è stato ceduto in estate al Frosinone e si è preso il posto da titolare nel Primavera 2.

Matteo Cardinali

È rimasto in giallorosso e nelle gerarchie di De Rossi è lui il primo tra i portieri. Parte sempre dal primo minuto, tranne quando non è impegnato in Prima Squadra. Nella stagione in corso, è stato convocato per 10 volte da Fonseca nel gruppo dei grandi.

Riccardo Cargnelutti

Uno dei pilastri della difesa dello scorso anno, a luglio è stato ceduto al Modena. I Canarini lo hanno girato a loro volta in prestito all’Alma Juventus Fano 1906, club di Serie C, dove gioca attualmente. Per lui 8 presenze e un assist, aspettando di tornare in Emilia la prossima estate.

Daniele Trasciani

Dopo esser tornato dall’anno al Cesena, Trasciani si è guadagnato la conferma nella Primavera giallorossa ed ora guida il reparto difensivo, con tanto di fascia da capitano al braccio.

Alessio Santese

Nessun cambio da un anno all’altro per il centrale classe 2001 originario di Ostia. 4 presenze in stagione per lui fino ad ora, complice anche una lesione di terzo grado del compartimento esterno della caviglia, che lo tiene fuori da oltre un mese.

Valerio Coccia

È proseguita, soltanto per qualche mese, l’avventura di Coccia alla Roma. Svincolatosi dalla società capitolina a metà dicembre, ad inizio 2020 il difensore mancino ha firmato con il Lecce. Nella Primavera della squadra pugliese ha collezionato fino ad ora 5 presenze, una delle quali terminata anzitempo per un’espulsione.

Alessio Buttaro

Aggregato a soli 16 anni durante il 2018, Buttaro è ancora tra le fila giallorosse. La sua crescita fa ben sperare ed è già riuscito a giocare 6 partite in Primavera 1.

Filippo Tripi

Una delle rivelazioni di quest’anno. Cresciuto come difensore centrale, De Rossi lo sta sperimentando davanti alla difesa, nel ruolo di mediano. Lì Tripi trova più spazio ed entra spesso a partita in corso. Nel frattempo, quando la sua presenza non è necessaria, presta i suoi servizi anche nella Roma Under 18.

William Bianda

Una delle scommesse dall’esito poco felice di Monchi. Pagato molto per un giocatore della sua età (2 milioni per il prestito, più 6 per il riscatto), Bianda arrivò in Italia dal Lens. Tutti pensarono potesse ritagliarsi un posto in Prima Squadra, ma non andò esattamente così. Un anno dopo, il francese è ancora in Primavera e gioca da titolare al fianco di Cargnelutti.

Riccardo Calafiori

Insieme a Riccardi rappresenta probabilmente la promessa più grande per il futuro romanista. Reduce da due gravi infortuni, Calafiori continua a sorprendere e sembra tornato più forte di prima. Titolare sulla fascia sinistra, è dovuto stare fermo da novembre a gennaio per un problema al legamento collaterale mediale. De Rossi quando lo ha avuto a disposizione l’ha fatto partire sempre dal primo minuto, ma non sono mancate, anche in questi ultimi tempi, alcune convocazioni con i grandi per terzino del 2002.

Francesco Semeraro

Complici i guai fisici di Calafiori, “Chicco” Semeraro sta giocando con continuità anche nel campionato in corso. A gennaio è stata definita la sua cessione all’Ascoli, dove si trasferirà però soltanto a giugno.

Stefano Parodi

Per lui vale il discorso fatto per Semeraro. Con Bouah tormentato dagli infortuni, la fascia destra è affidata a lui e le sue prestazioni sono più che positive. Una caratteristica lo contraddistingue: è abbastanza falloso, sono ben 7 i cartellini raccolti in 17 presenze in questa stagione.

Matteo Tomassini

Convocato l’anno scorso in occasione d’emergenza, si è seduto in panchina qualche volta anche nel 2019/20. Gioca, da titolare, nella formazione Under 18.

Devid Eugene Buoah

Fare il terzino nella Roma è uno dei lavori più pericolosi al mondo, non c’è alcun dubbio. L’esterno destro, che ha saltato metà della scorsa stagione per la rottura del legamento crociato, ha trascorso l’estate con la Prima Squadra. Convocato da Fonseca per il ritiro, si è messo in mostra con diverse buone prestazioni nelle amichevoli pre-campionato. Tornato nella Primavera, ha esordito contro il Chievo nella prima giornata di campionato, entrando a gara in corso. Dopo soltanto 9 minuti, ecco una nuova rottura del legamento crociato. Ad oggi, è ancora indisponibile, ma la Roma gli ha rinnovato il contratto, portando la scadenza al 2024. Un chiaro messaggio: nonostante tutte le difficoltà, la società punta su di lui. E fa bene.

Andrea Marcucci

Protagonista indiscusso nella prima parte di stagione 2018/19, nel mercato di gennaio fu ceduto al Foggia. Dopo una sola presenza in Serie B, quest’estate è stato girato in prestito all’Imolese in Serie C, dove ha già raccolto 29 presenze tra campionato e Coppa Italia.

Gennaro Nigro

Arrivato più di un anno e mezzo fa dagli Stati Uniti, prosegue il suo percorso di crescita a Trigoria. Ha cominciato a giocare con più frequenza, arrivando a 12 presenze stagionali.

Ebrima Darboe

Dopo una prima annata da comprimario, Darboe si sta affermando sempre di più nel centrocampo disegnato da Alberto De Rossi. Oltre ad essere uno dei titolari della squadra, ha trovato la via del gol contro il Cagliari, rete che si aggiunge a due assist vincenti.

Luca Chierico

Al contrario di Darboe, il figlio d’arte classe 2001 sta faticando a trovare spazio. Viene considerato comunque una delle principali alternative in mezzo al campo ed ha un contratto che lo lega alla Roma fino al 2022.

Zakaria Sdaigui

L’italo-marocchino nato a Firenze e cresciuto nelle giovanili giallorosse è il centrocampista con il rendimento migliore. Facilità di corsa, quantità e abilità sottoporta le sue doti migliori, che lo hanno portato a siglare 5 gol fin qui, oltre a 4 assist forniti.

Keres Masangu

Arrivato a Roma nel 2017, considerato uno dei più grandi talenti della sua età, lo scorso anno finì ai margini del progetto, venendo ceduto in prestito al Sassuolo a gennaio. Anche in neroverde le cose non andarono meglio e fece ritorno alla base in estate. Da quel momento in poi nessuna convocazione con la Roma. Il suo contratto scadrà il prossimo 30 giugno e, con ogni probabilità, non verrà rinnovato.

Jean Freddi Greco

Gioca e convince nella scorsa stagione e attrae diversi club, fino al trasferimento in estate al Torino. In molti sostengono che il suo passaggio sia una sorta di clausola per lasciar arrivare Petrachi a Roma. Anche con i granata il suo rendimento è positivo, il centrocampista originario del Madagascar infatti vanta 20 presenze con i piemontesi.

Pier Luigi Simonetti

Percorso netto per Simonetti, che procede in maglia romanista, scendendo in campo con una certa frequenza. Il centrocampista nato nel 2001 vanta 14 presenze e 4 reti.

Gianmarco Meo

Poca fortuna, invece, la sta avendo Meo. Dopo i primi sei mesi alla Roma nel 2018/19, viene ceduto all’Ascoli, dove in una stagione e mezza ha calcato il terreno verde per 4 volte.

Edoardo Bove

Tanta qualità e visione di gioco per il mediano classe 2002. Già nella passata stagione, Bove è riuscito ad accumulare 5 presenze in Primavera, nonostante la giovane età. Nell’attuale campionato è entrato a pieno regime nelle rotazioni di De Rossi, collezionando anche 3 gol e 5 assist.

Alessio Riccardi

Come già detto, uno dei simboli della nuova generazione romanista. Promosso a pieni voti lo scorso anno, nonostante le voci di mercato che lo hanno visto accostato ai club più importanti d’Italia quest’estate, è rimasto e continua a trascinare la squadra in un annata complessa.

Salvatore Pezzella

Dopo essersi messo in luce al Tre Fontane, è stato ceduto in prestito al Modena, dove ha trovato spazio. Vanta ora 24 presenze, 2 gol e 1 assist in Serie C. A giugno si deciderà il suo futuro.

Gianmarco Cangiano

Ala sinistra, corsa, fantasia e feeling con la rete. L’attaccante napoletano è stato ceduto nel mercato estivo al Bologna, dov’è titolare nella Primavera rossoblù. 6 reti in campionato, 2 delle quali proprio alla sua ex squadra lo scorso 15 febbraio.

Ludovico D’Orazio

Come altri, è stato confermato ed è uno dei protagonisti della stagione in corso. Rispetto all’anno scorso, è migliorato in zona gol, con già 7 gol all’attivo, oltre a 7 assist.

Vicente Besuijen

Arrivato dall’Olanda nel 2017, sta faticando ad emergere ed è stato mandato in campo da De Rossi soltanto in 4 occasioni fin qui.

Andrea Silipo

Dopo i primi sei mesi trascorsi da riserva, il centravanti si è trasferito in prestito di un anno e mezzo al Palermo. Ha siglato 2 reti in 9 presenze ed a giugno tornerà nella Capitale.

Mory Bamba

Vista la tenera età, classe 2002, è stato messo a disposizione dell’Under 18. Non mancano però le convocazioni con la squadra di De Rossi, per lui 6 presenze in Primavera 1.

Matteo Cancellieri

Stesso discorso per Cancellieri, titolare della formazione Under 18. Non mancano però le convocazioni da parte di Alberto De Rossi, che gli ha concesso anche una presenza in Coppa Italia con la Primavera.

Nicolò Buso

Continua a girare la seconda punta di Treviso. Dopo i primi sei mesi al Fulvio Bernardini, è stato girato in prestito al Venezia fino al termine della stagione. Una volta tornato a Roma, in estate è stato venduto alla Virtus Entella, dove gioca con in modo costante nel campionato Primavera 2.

Zan Celar

Il bomber sloveno, dopo i 28 gol in 27 partite dello scorso campionato, è stato mandato in prestito per permettergli di fare esperienza. Prima Cittadella e poi Cremonese, due piazze importanti della Serie B italiana, dove Celar ha raccolto in totale 12 presenze, togliendosi anche la gioia di segnare nel campionato cadetto. In estate è atteso il suo rientro alla base.

Flavio Bucri

Lui come Greco è stato ceduto la scorsa estate al Torino, dove però non è riuscito a farsi strada. A gennaio 2020, è stato acquistato dall’Ascoli e gioca in Primavera 2.

Felipe Estrella

Arrivato in prestito dal Brasile a gennaio 2019, ha convinto i dirigenti giallorossi che hanno deciso di riscattarlo. Ora è il centravanti di riferimento della Roma Primavera ed è a quota 8 gol, realizzati in 21 apparizioni.