Il Tornatora

La Repubblica – L´Inter punta su Borini. Nuovo tecnico, fumata nera

di Redazione

Un paio di spine, nelle mani della Roma. Una stagione deludente, l´addio di Luis Enrique, la ricerca del nuovo tecnico che non ha ancora prodotto certezze, con la borsa di Trigoria che premia Villas Boas (ma il Liverpool lo segue con forza) e altri due tecnici al momento nascosti (Zeman?), mentre lo spread di Montella ha il segno sempre più negativo. Lo scarica anche Totti: «Chi viene viene», ha detto da Palermo, portiere nella partita del cuore per ricordare Falcone e Borsellino. Per poi scherzare sul mercato: «Voglio cento campioni».

Difficile soddisfarlo, però: perché la Roma deve fare i conti con un monte stipendi che supera i 75 milioni annui lordi, e a cui aggiungere i premi e gli innesti imminenti di Dodò, Castan – che però senza passaporto comunitario resterà al Corinthians – e il riscatto di Marquinho. L´obiettivo è scendere a 60-65 milioni annui: per questo, dovrà essere prima di tutto il mercato dei tagli. A cominciare da cinque costosissimi indesiderati: Borriello, Pizarro, Brighi, Julio Sergio e Guberti. Quattro prestiti pronti a tornare a Trigoria. Portandosi dietro costi per 27 milioni, di cui quasi 15 (14,8) soltanto per la prossima stagione. La spina più grossa è Borriello, blindato da un contratto da 5,4 milioni per altri 3 anni. Anche per questo, la Roma tratta al ribasso (4 milioni) il riscatto con la Juventus, che però nicchia. Anche perché altre proposte non sono arrivate. E se Guberti e Julio Sergio ripartiranno (Torino e Botafogo), resterà Pizarro: «Non ho intenzione di muovermi». L´Inter intanto insidia Borini: appuntamento con il Parma per rilevarne la metà e sfidare poi la Roma alle buste. Sabatini si consolerebbe con l´esterno del Porto Varela.
La Repubblica – Matteo Pinci