Il Tornatora

Un tuffo nel passato. La Roma trova il Liverpool

di Redazione

La mano di Andriy Shevchenko ha deciso che nella sua Kiev, il 26 maggio, ci arriverà in ogni caso una squadra a sorpresa, perché i soldi sono importanti nel calcio ma non sono tutto. Roma o Liverpool contro la vincente dello scontro tra corazzate, Bayern Monaco-Real Madrid. I Reds – recita Il Corriere della Sera – hanno il miglior attacco e la miglior difesa della Champions, unica squadra in corsa ancora imbattuta (8 vittorie e 4 pareggi, avendo giocato anche un turno preliminare). La Roma ha messo sotto Chelsea, Atletico Madrid e Barcellona (oltre a Qarabag e Shakhtar Donetsk). In questo senso la Champions è molto più difficile della vecchia Coppa dei Campioni. La squadra di Liedholm, nel 1984, per andare in finale superò Göteborg, Cska Sofia, Dynamo Berlino e Dundee United prima di arrendersi ai rigori proprio con il Liverpool. Dzeko era già stato venduto al Chelsea e invece ha fatto di tutto per restare a Roma, come se sentisse di avere una missione da portare a termine: «Sono rimasto qui per vivere notti come quelle di Champions League», aveva detto.