Pagine Romaniste

Football Manager Ep.3 – Mercato? Solo in uscita ma i risultati migliorano. De Rossi torna in Serie A

di Redazione

Pagine Romaniste (L.Fantoni) – Qualcuno dica a Petrachi che si può fare mercato. Dopo la scorsa stagione (qui l’episodio precedente) in cui la Champions è sfumata per due punti, a quanto pare la Roma è dovuta andare incontro ad un ridimensionamento dei costi. Sono stati riscattati Ibañez, Veretout e Mancini (non Smalling, Mkhitaryan, Zappacosta, Carles Perez e Kalinic), ed è stato acquistato solo un tale Filippo Zannoli per la Primavera. Gli unici innesti veri e propri sono i giocatori che rientrano dai prestiti: torna Schick davanti che per Fonseca prende il posto di Dzeko come titolare, Florenzi che si riprende il posto sulla fascia destra e Olsen come portiere di riserva. Più movimento invece per quanto riguarda le cessioni, anche se alcune non sono abbastanza remunerative. Se ne va Fazio per 5 milioni al West Ham, così come Perotti al Norwich per più o meno la stessa cifra. Nzonzi viene riscattato dal Galatasaray per soli 3 milioni, mentre Seck e Nigro, due giovani della Primavera, se ne vanno al Cosenza e all’Atlanta United.

SI MIGLIORA IN CAMPIONATO

Si inizia male in casa Roma: due pareggi con Cagliari e Torino. Alla terza di Serie A però i giallorossi ospitano il Milan e all’Olimpico trionfano per 3-1 grazie alle reti di Gonalons (unica presenza, verrà ceduto al Trabzonspor a gennaio), Kluivert e Under. Da quei tre punti arriva una serie di 7 vittorie consecutive. La striscia si interrompe nel derby dove comunque gli uomini di Fonseca non escono sconfitti ma rimediano un pareggio per 1-1. Fortunati i biancocelesti che riprendono il match nel finale dopo essere passati in svantaggio per il gol di Schick. Altra vittoria importante quella contro il Napoli, in casa, per 3-1 grazie ai gol di Schick, Zaniolo e Under. Al primo gennaio la Roma è quarta in classifica, a 39 punti, a meno 2 da Juventus e Milan appaiate al primo posto. Molto hanno pesato le tre sconfitte consecutive, arrivate dopo il derby, contro Juventus, Inter e Atalanta. Lautaro Martinez comanda la classifica marcatori con 14 gol mentre Cristiano Ronaldo è fermo a 10. Primo dei romanisti è Patrik Schick con i suoi 6 gol. Va molto meglio per quanto riguarda gli assist. Lorenzo Pellegrini è secondo a quota 6 passaggi decisivi, dietro solamente ad Eriksen dell’Inter.

ALLA CACCIA DELL’EUROPA. SORPRESA DE ROSSI

Dopo la finale mancata di pochissimo lo scorso anno, la Roma di Fonseca pesca un girone di Europa League piuttosto alla portata con Werder Brema, PAOK ed i norvegesi del Kristiansund. Alla fine la classifica finale recita 15 punti e primo posto nel girone, con i tedeschi subito dietro. Proprio contro i biancoverdi arriva l’unica sconfitta, in terra teutonica, sotto i colpi di uno scoppiettante Rashica. Per il resto i giallorossi non incontrano nessun tipo di problemi, subendo 0 gol e realizzandone 11. Da sottolineare la doppietta di Pastore nella vittoria contro il Kristiansund. Passano il girone anche Napoli e Lazio, ma da seconde classificate. Dalla Champions scendono anche Atalanta e Milan oltre a delle big come Chelsea, Lipsia e Ajax. Rispetto allo scorso anno, si prospetta un cammino in Europa League più complicato. Per fortuna però, per la prima volta nella sua storia la Roma pesca un sorteggio agevole ai sedicesimi. La squadra di Fonseca infatti volerà in Serbia per affrontare la Stella Rossa.

Tutta la tifoseria romanista spera che la terza sessione di mercato possa portare qualche acquisto. Nel frattempo c’è stato un gradito ritorno in Serie A. Daniele De Rossi non ha preso il posto del padre sulla panchina della Primavera della Roma (Alberto è ancora lì) ma è partito subito dai grandi. L’ex capitano della Roma infatti ha sostituito Cristian Stellini sulla panchina di un Udinese che si trova al 18esimo posto in classifica e deve assolutamente fare punti per salvarsi. Vedremo se alla fine della stagione DDR ci sarà riuscito e se potrà festeggiare anche per un titolo della sua amata Roma.