Verso Roma-Entella: Di Francesco vuole sfatare il tabù. Nella sua carriera non si è mai qualificato ai quarti di finale di Coppa Italia

di Alessio Nardo

Pagine Romaniste (Alessio Nardo) – Fine della sosta. Si riparte. Non in campionato (per quello dovremo attendere un’altra settimana) ma in Coppa Italia, competizione in cui la Roma non compare addirittura da 13 mesi, ossia dalla sconfitta per 2-1 contro il Torino dello scorso anno (20 dicembre 2017) agli ottavi di finale. Dopodomani c’è la Virtus Entella, formazione di Serie C. Sarà il primo confronto assoluto fra queste due squadre. Un appuntamento che i giallorossi, chiaramente, non possono fallire.

Per anni la Coppa Italia è stata “fedele alleata” della Roma. Un trofeo alzato ben 9 volte al cielo. Solo la Juventus (13 trionfi) ha saputo far meglio nella storia del calcio italiano. I primi due acuti risalgono al 1964 e al 1969, poi la bellezza di cinque conquiste durante l’era Viola (1980, 1981, 1984, 1986 e 1991) e infine le due splendide vittorie con Luciano Spalletti alla guida, e Franco Sensi ancora presidente, nel 2007 e nel 2008. Da allora, la coppa nazionale si è trasformata in una sorta di maledizione per i giallorossi, che hanno disputato due finali (2009-2010 e 2012-2013) perdendole di misura con Inter e Lazio. Per il resto, tre piazzamenti in semifinale (2010-2011, 2013-2014 e 2016-2017), tre eliminazioni ai quarti (2008-2009, 2011-2012, 2014-2015) e due amarissime cadute agli ottavi, 2015-2016 e 2017-2018, la prima (ahinoi storica) ai calci di rigore contro lo Spezia, formazione militante in Serie B.

Anche Eusebio Di Francesco deve sfatare il suo personalissimo tabù, visto che da allenatore non è mai riuscito a superare l’ostacolo degli ottavi di finale di questa manifestazione. Un feeling mai sorto neanche ai tempi di Pescara (2010-2011) e Lecce (2011-2012). In entrambe le occasioni, Eusebio fu estromesso al 1° turno, nel mese di agosto, prima dall’Albinoleffe e poi dal Crotone. Nemmeno il quinquennio al Sassuolo gli ha mai fruttato buoni risultati in Coppa Italia. Clamorose soprattutto le eliminazioni dei neroverdi nel 2015-2016, 0-1 interno col Cagliari (all’epoca in B) al quarto turno, e nel 2016-2017, 1-2 sempre al Mapei Stadium, agli ottavi contro il Cesena che sfidò successivamente la Roma perdendo solo al 97’ (2-1) grazie all’ultimo gol in carriera di Francesco Totti su calcio di rigore. Occhio, dunque, a sottovalutare l’Entella, che in C ha una media punti rilevante: 30 in 14 gare. Frutto di 9 vittorie, 3 pareggi e 2 sconfitte.