Il Tornatora

Tor di Valle, frenata della sindaca: «Non lo facciamo a tutti i costi»

di Redazione

Per dire che siamo al «contrordine compagni» magari è ancora un po’ presto, ma di sicuro l’ultimo tsunami che ha travolto la giunta grillina in Campidoglio – portandosi via per ora un presidente di Assemblea Capitolina (De Vito), un assessore già vicesindaco e ancora “fedelissimo” della sindaca (Frongia) – un effetto lo ha prodotto anche sul progetto dello stadio a Tor di Valle: quella che, fino a qualche giorno fa, sembrava una certezza granitica («lo stadio si fa», andò a dire in conferenza stampa la Raggi), oggi vacilla in maniera significativa. Nei corridoi di Palazzo Senatorio, in queste giornate convulse che hanno riportato con la mente agli ultimi giorni di Ignazio Marino o ad alcuni passaggi clou della giunta Alemanno, l’hanno infatti sentita spesso ripetere: «Io lo stadio non lo faccio a tutti i costi». E poi, ancora più esplicita: «Non posso passare per essere io la paladina dello stadio». Un progetto che lei ha ereditato dalla precedente amministrazione e che forse, fa trasparire ora, avrebbe anche bloccato «se non ci fossero state penali molto alte da pagare, con il rischio di esporre l’ente al possibile danno erariale». Una postilla dell’ultima ora, dettata proprio dagli sviluppi dell’inchiesta giudiziaria: perché fino agli arresti di Luca Parnasi e Luca Lanzalone (a giugno) la comunicazione M5S poteva anche provare a veicolare l’immagine che i “cattivi”, o i corrotti, fossero fuori dal Movimento (per quanto Lanzalone era ben inserito dentro i pentastellati, anche a livello nazionale). Ma ora le «mele marce», come sono state ribattezzate, sarebbero proprio dentro casa, negli uffici della piazza che affaccia sul Marc’Aurelio. Ecco allora la frenata di Virginia: «Non resto appesa allo stadio». Lo riporta Il Messaggero.