Il Tornatora

La Gazzetta dello Sport – Primavera di talenti. Cataldi contro Soleri è derby d’alta scuola

di Redazione

derossi_verde_adamo

Supremazia cittadina in ballo alle 15 a Formello, nel campionato Primavera: la Roma ha dalla sua il primato in classifica, punteggio pieno dopo 6 partite, e quattro Nazionali Under 19 — Capradossi, Calabresi, Pellegrini e Verde: per la loro assenza è stata rinviata la gara, prevista per il 4 ottobre —; la Lazio il fattore campo, e il giocatore più esperto, Danilo Cataldi, schierato come fuoriquota per recuperare il ritmo partita. Tornato da un proficuo prestito a Crotone — 36 partite, 4 gol, e un numero imprecisato di paragoni con Florenzi, che lo aveva preceduto nel viaggio di andata e ritorno in Calabria — non ha ancora debuttato col biancoceleste dei grandi: colpa dell’elongazione all’adduttore che aveva rimediato in Under 21, dopo la panchina della prima giornata col Milan.

La sua ultima apparizione con la Primavera era stata la finale scudetto del 9 giugno 2013 contro l’Atalanta: segnò due gol, il terzo lo fece Tounkara, un altro che oggi sarà a disposizione di Inzaghi, che per fare spazio a Cataldi dirotterà in tribuna uno dei suoi fedelissimi, il fuoriquota Pace: Murgia in cabina di regia, con inserimento sulla sinistra del tedesco Verkaj, classe 1996, arrivato in estate dall’Eintracht Francoforte.

SFIDA IN MEDIANA  La mediana della Roma sarà imperniata su Lorenzo Pellegrini, tenuto a riposo sabato nella facile trasferta di Frosinone, così come Verde: alla sua sinistra Matteo Adamo, a destra ballottaggio tra D’Urso, novità di queste ultime settimane, e Ricozzi, in buona evidenza a Frosinone. Dove invece non ha brillato particolarmente Adamo, che pure nel capoluogo ciociaro ci è nato: nella sua stagione un gol spettacolare al torneo di Durban, il cui video ha fatto furore tra siti internet e social media, due reti in campionato, altrettante in Youth League — tra cui l’1-0 al Bayern Monaco della scorsa settimana — ma anche qualche prestazione non all’altezza. I grandi appuntamenti però difficilmente li sbaglia: nell’ultimo derby, quello della disfatta giallorossa, segnò il gol del vantaggio, a cui fece seguito il 2-0 di Taviani, e la clamorosa rimonta di una Lazio in 10. Taviani oggi dovrebbe partire dalla panchina, visto il momento di grazia di Soleri, Elez e Minala sono andati a giocare a Grosseto e Bari: dei marcatori di quel 3-2 di Santarcangelo di Romagna che promosse Inzaghi in semifinale sono rimasti solamente Adamo e Murgia.

DUELLO IN PORTA Sono cambiati anche i portieri, col cambio di stagione: hanno lasciato la Primavera Strakosha e Proietti Gaffi, spazio a Guerrieri e Marchegiani, due classe ‘96 che si sfidano da anni. E per anni il più considerato era quello della Lazio, che è stato anche nel giro dell’Under 17 che andò a fare Europeo e Mondiale. Ma in questi mesi ne ha fatti di progressi, il romanista.

La Gazzetta dello Sport – F. Oddi