Stellone_Frosinone_Roma

Il Messaggero (M.Di Rienzo) – In sala stampa arriva un Roberto Stellone scuro in volto e visibilmente deluso per come è andata a finire contro la Roma di Rudi Garcia. Il tecnico dei ciociari recrimina sui due episodi verificatisi nel secondo tempo nell’area dei giallorossi quando ancora il risultato era fermo sull’1-0 in favore degli ospiti. «Il risultato è ingiusto – attacca Stellone – . Ai punti avremmo meritato molto di più anche perché specie nel secondo tempo il pallino del gioco è rimasto nelle mani del Frosinone che ha fatto segnare addirittura un maggior possesso palla dei campioni della Roma. Ci è mancato solo un pizzico di fortuna nelle conclusioni ».

Quindi l’allenatore giallazzurro torna a parlare degli episodi accaduti nell’area avversaria e senza peli sulla lingua va giù duro: «Ma come si fa a non concedere quel rigore per il fallo di mani nettissimo di Digne sul cross di Rosi? Per quanto riguarda, invece, in contatto in area tra Ruediger e lo stesso Rosi, dalla panchina non l’ho potuto giudicare nel migliore dei modi. Anche se mi era sembrato che il contatto tra i due giocatori ci fosse stato tanto è vero che i miei hanno protestato vivacemente».

GLI ERRORI – Mentre parla l’amarezza è stampata sul volto dell’allenatore dei ciociari al quale non va giù il 2-0 subito. E a proposito del secondo gol dei giallorossi arrivato ad un minuto dalla fine dei tre di recupero, il tecnico del Frosinone sottolinea: «Anche sul raddoppio della Roma ho qualcosa da recriminare: a centrocampo Salah ha commesso un evidente fallo ai danni di Pavlovic non ravvisato dal direttore di gara che ha lasciato correre dando così la possibilità a Iturbe di segnare il 2-0». Lo stesso Sammarco che al 20’ del primo tempo ha sostituito l’infortunato Gucher, vittima di una distorsione alla caviglia destra, lascia trapelare tutta la propria amarezza per i penalty non accordati nel giro di pochi minuti nella ripresa. «Il Frosinone ha disputato una buona partita, però alla fine il risultato ha dato ragione alla Roma – sottolinea il centrocampista – . Purtroppo quest’anno a certi arbitraggi dovremmo abituarci. Personalmente, invece, sono contento di essere tornato a giocare».