Il Tornatora

Stadio, vertice d’urgenza; l’ultima mossa di Pallotta: avanti anche senza soci

di Redazione

A quattro mesi dall’arresto di Luca Parnasi e dei vertici di Eurnova, società a cui Pallotta aveva affidato la delicata questione stadio, il presidente giallorosso sembra ancora fortemente intenzionato a portare avanti l’affare. Come scrive Il Messagero, secondo quanto emerso dal vertice tenutosi a Boston tra Pallotta e la dirigenza della Roma, sta prendendo piede l’ipotesi di una rilevazione delle quote di Eurnova da parte di Raptor (in asse con una banca), una società del patron dei capitolini. Nella giornata di ieri si è parlato anche di un interessamento di Goldman Sachs e Starwood, mentre in Italia si sono fatti i nomi del gruppo Pizzarotti di Parma, del gruppo Gavio di Tortona e di Salini Impregilo. Il discorso sull’eventuale acquisizione delle quote di Eurnova è comunque da rimandare all’approvazione dell’Assemblea capitolina alla maxi-variante urbanistica. Il voto non arriverà prima della relazione del Politecnico di Torino sulla viabilità, la quale risentirà dell’eliminazione del ponte dal progetto.