Il Tornatora

Stadio della Roma, De Vito faccia a faccia con i magistrati

di Redazione

A 48 giorni dall’arresto con l’accusa di corruzione, l’ex presidente del consiglio comunale Marcello De Vito è pronto a rendere dichiarazioni spontanee ai magistrati. L’audizione è fissata per domani. De Vito, che ha professato la sua innocenza anche attraverso una lettera aperta indirizzata ai consiglieri M5S ed alla sindaca Virginia Raggi, sarà ascoltato nel carcere di Regina Coeli, dove si trova dallo scorso 20 marzo. L’inchiesta che lo coinvolge è uno dei filoni scaturiti dall’indagine sulla realizzazione del nuovo stadio della Roma a Tor di Valle. Insieme con l’avvocato Camillo Mezzocapo, anche lui arrestato, De Vito avrebbe operato per agevolare gli interessi del costruttore Luca Parnasi, al vertice della triangolazione per l’edificazione dell’opera. Al politico è contestato anche di aver piegato il proprio ruolo pubblico agli interessi dei costruttori Toti e Statuto per altri lavori che avevano come partner imprescindibile l’amministrazione comunale. Lo riporta La Repubblica.