di Lorenzo Pompili

Goicoechea 5: Incolpevole sul gol di Neto, ma sembra costantemente in difficoltà e sbaglia troppe volte i rinvii. Inoltre i difensori sembrano ancore fidarsi poco di lui.

Piris 6,5: Dopo un primo tempo al rilento, sfodera una ripresa da ottimo giocatore. Scende molto bene e spesso sul fondo e compie alcune buone chiusure.

Marquinhos 6: Il Siena non attacca molto, e quindi oggi si vede più nei tentativi di arrembaggio alla porta avversaria.

Castan 6: Stessa valutazione fatta per il compagno di reparto: gli attaccanti bianconeri non si vedono molto, ma la difesa romanista nel primo tempo non gioca benissimo. Mostra buona corsa quando agisce da terzino sinistro.

Balzaretti 6,5: Finalmente una buona prestazione per il terzino italiano, che si propone in continuazione, offrendo sempre un’alternativa sulla sinistra.

Bradley 5: Meglio da centrale che da intermedio, per tutta la partita sbaglia troppi appoggi. Ci mette come al solito tanta grinta e tanta corsa.

Tachtsidis 6: Un primo tempo pessimo con troppi errori in fase di impostazione, ma nella ripresa mostra le caratteristiche per cui Zeman lo ha voluto portare a Roma. Infine il lancio per Florenzi in occasione del pareggio è veramente sublime. Dal 79′ Perrotta 7: In questi due anni ha giocato in tutti i ruoli possibili mettendosi sempre a disposizione con grandissimo impegno, oggi gioca 10 minuti e regala la vittoria alla Roma alla tenera età di 35 anni. Altro da aggiungere?

Florenzi 6,5: Nel primo tempo è uno dei pochi a provarci con un paio di conclusioni pericolose, nella ripresa con la squadra che cresce continua a spingere trovando l’assist per il pareggio di Destro. Esce dopo il gol del 3-1 e per la sesta volta di fila nongioca fino al fischio finale. Dal 93′ Marquinho s.v.: Entra per giocare un minuto di recupero e festeggiare con la squadra una vittoria importantissima.

Pjanic 6,5: Esordio da titolare nella posizione di attaccante esterno e si vede che non fa i movimenti giusti e spesso non trova compagni da servire. Comunque con la sua personalità e classe aiuta la Roma a vincere questa partita, che chiude con l’assist dell’1-3.

Destro 7,5: Torna da ex a Siena e decide da killer d’area di rigore la gara. Si muove molto, cerca il dribbling e per due volte si fa trovare da solo davanti a Pegolo su servizi di Florenzi e Pjanic segnando prima il gol del pareggio, poi quello che chiude definitivamente la gara.

Totti 7: Va vicino al gol nel primo tempo con un calcio di punizione su cui Pegolo si supera negandogli il gol a Siena dopo 8 anni e quello su calcio da fermo da un anno e mezzo. Gioca a tutto campo come al solito catalizzando il gioco della Roma. Da vero Capitano.

Zeman 6,5: Primo tempo incolore della sua Roma, ma ripresa veramente ad altissimo livello. Anche oggi la squadra subisce poco (un tiro), ma la disattenzione sul gol di Neto non può passare inosservata.