Senza Champions League c’è il ridimensionamento

di Redazione

La partita di domenica sarà un importantissimo crocevia per il futuro della Roma, non solo riguardo questa stagione ma anche per quella prossima. Il destino vuole che Carlo Ancelotti, storica figura giallorossa, possa essere il boia della squadra di Ranieri. Il tecnico sa che in caso di sconfitta non solo vedrebbe allontanarsi ancora di più le milanesi, ma verrebbe inghiottito dai club immediatamente dietro in classifica. La politica della Roma di questi anni ha portato i suoi frutti, registrando nel giugno 2018 il suo record storico di fatturato. Da rimarcare, tuttavia, che nonostante la semifinale di Champions i conti siano rimasti in rosso. Se il quarto posto non dovesse essere raggiunto, si profilerebbe uno scenario simile a quello del 2017, in cui Monchi era stato costretto a vendere di fretta e furia Salah, Paredes, Rudiger per far quadrare il bilancio. Lo scrive il Corriere dello Sport.