Il Tornatora

Scontri di Liverpool: la giuria rinvia la sentenza su Lombardi a domani. Il giudice: “E’ stato un altro uomo a colpire Cox”

di Redazione

Quarto e ultimo giorno di processo a Filippo Lombardi, tifoso della Roma, coinvolto negli scontri avvenuti ad Anfield prima del match contro il Liverpool dello scorso 24 aprile. Nell’occasione Sean Cox, tifoso dei Reds, rimase gravemente ferito. Secondo il portale inglese liverpoolecho.co.uk, oggi è attesa la sentenza.

LIVE

Ore 17.10 – La giuria è stata mandata a casa senza aver raggiunto un verdetto. La sentenza è stata quindi rinviata a domani.

Ore 13.15 – La giuria del processo a Filippo Lombardi, accusato di aver colpito Sean Cox, si è ritirata in consiglio per decidere il verdetto.

Ore 11.45 – Il giudice inizia a riassumere tutto il caso: “Lombardi nega di aver inflitto gravi danni corporei al signor Cox. L’assalto a Cox è stato spaventoso, ma bisogna lasciare le proprie simpatie ed antipatie da una parte e bisogna prendere in considerazione le prove in maniera obiettiva. Non c’è dubbio che Sean Cox sia una vittima e che sia completamente innocente. Ha subito ferite catastrofiche. Ci sarà un processo per l’altro individuo che ha colpito Cox. L’accusa dice che il signor Lombardi è coinvolto in un attacco comune, ma lui nega di aver partecipato. Il calcio è sempre stato descritto come un bel gioco, ma gli eventi terribili accaduti fuori Anfield, dove Sean Cox è stato aggredito, hanno rovinato la reputazione di questo gioco. Per Sean e suo fratello era un giorno iniziato con enorme anticipo e alla fine è stato un giorno che si è concluso nella peggior tragedia per Sean e la sua famiglia. Un altro uomo che ha viaggiato dall’Italia, denominato N40, è la persona che ha colpito il signor Cox. Non vi è alcuna prova che lui e Lombardi siano direttamente associati o abbiano qualche legame. Sean Cox rimane gravemente ferito dopo l’attacco e sta ancora ricevendo le cure mediche“.

Ore 11.20 – Tocca all’avvocato difensore di Lombardi, Alison Gurden: “Esorto i giurati ad assolvere il mio cliente, l’accusa non ha dimostrato minimamente quello che afferma. Lombardi non conosceva colui che ha colpito Cox, nulla dimostra che si conoscevano. E’ stato l’attacco di un uomo solo, è stata una cosa orribile, ma questo non significa che il signor Lombardi sia responsabile“.

Ore 11.10 – Prende la parola l’accusa, parla Neville Biddle: “Lombardi ha detto un’enorme serie di falsità. Ha preso la cintura perché ci potevano essere dei problemi, ma i problemi li ha causati lui. Ha cercato di coprire le sue responsabilità mentendo, probabilmente ora si rende conto di quello che ha fatto e si vergogna di sé stesso. Non può accettare di essere il responsabile di quanto successo“.

Ore 11.00 – Inizia il quarto giorno di processo per il caso di Filippo Lombardi. In apertura ci saranno le arringhe finali dei due avvocati, poi parlerà il giudice e infine ci sarà il verdetto della giuria.