Il Tornatora

Il Messaggero – Si rivede Rosi, a Novara ci sarà

di Redazione

Strano a dirsi ma il suo ritorno in campo è quanto mai atteso. Strano solamente perché all’inizio dell’anno Rosisembrava destinato a un’altra stagione come comparsa. E invece – complice l’infortunio di Cicinho e l’involuzione tecnico-tattica di Cassetti – il laterale è diventato il titolare della fascia destra. Da adesso a Natale, sa di giocarsi molto. Perché se radio-mercato vuole la Roma alla ricerca di un terzino destro, prima di comprare bisognerà necessariamente vendere. Cosa che al momento non sembra assolutamente semplice. Senza contare, poi, che Luis Enrique, prima che il difensore si infortunasse, aveva deciso di scommettere su di lui. E Aleandro aveva risposto bene, cavalcando il momento positivo prima di doversi fermare per una trauma contusivo alla caviglia durante il derby. Ieri è tornato nuovamente ad allenarsi in gruppo (a proposito: oggi la seduta è stata spostata di nuovo alla mattina, ndc) ed è a disposizione per Novara. Pronto, quindi, per giocare e recuperare il tempo perduto. Intanto il ds Sabatini – che ieri ha parlato nuovamente con Luis Enrique – ha chiarito a Radio ManàManà l’assenza della prima squadra alla prima del film «Undici metri», dedicato alla memoria di Di Bartolomei: «È stata una nostra scelta portare i migliori ragazzi del settore giovanile: devono conoscere la storia della società». Spiegazione che ha ricordato da vicino quella che venne data a luglio per motivare l’assenza dei big, Totti in primis, il giorno della presentazione delle maglie.
Il Messaggero – Stefano Carina