fiorentina-roma-manolas-florenzi

Il Corriere Della Sera (G.Piacentini) – Una Roma migliore rispetto a quella di Plzen e nei 90 minuti anche di quella che domenica scorsa ha battuto la Sampdoria, torna da Firenze senza punti e con tanti rammarichi per come è maturata una sconfitta non del tutto meritata. Sulle valutazioni pesa come un macigno il gol di Badelj a pochi minuti dalla fine, con Kalinic in evidente posizione di fuorigioco e sulla traiettoria del pallone che toglie la visuale a Szczesny. È la prima sconfitta in campionato per la formazione giallorossa, che fallisce la possibilità di agganciare il Napoli in vetta alla classifica della Serie A, e di superare la Juventus, sconfitta a Milano dall’Inter. Non può essere soddisfatto, Luciano Spalletti, per il risultato ma ha avuto delle indicazioni positive dalla Roma, che è stata squadra per 90 minuti e ha ribattuto colpo su colpo alla Fiorentina, sfiorando il gol del vantaggio con Nainggolan che ha colpito il palo con un gran tiro, pochi minuti prima di subire il gol di Badelj.

«È stata una buona partita – le parole del tecnico – tra due squadre forti che hanno giocato una gara degna. Quando abbiamo preso in mano il match dovevamo essere più cattivi, abbiamo avuto tre o quattro situazioni importanti. Nel secondo tempo siamo calati, non siamo stati pungenti nella fase di possesso palla. Resta una buona prestazione, nonostante tutto. Quando si perde si porta a casa la sconfitta, ma bisogna analizzare la prestazione: abbiamo giocato bene e non meritavamo di perdere». Sull’episodio del mancato rigore concesso per un fallo su Dzeko e sul gol della Fiorentina, non ha dubbi. «Ha preso una “tranvata”, era rigore netto, lo avevo visto dal campo. Il gol di Badelj era fuorigioco, lo ha raccontato anche Szczesny negli spogliatoi. Se non l’hanno visto non si può fare niente: non serve la lente d’ingrandimento per accorgersene. Rizzoli ha detto che Kalinic era troppo lontano dalla porta, per cui non dava fastidio. Purtroppo è una sconfitta che brucia, meritavamo un risultato diverso. Gli episodi ci penalizzano al di là di quello che è successo. Dzeko? Per me sta facendo bene e ci serve per essere completi. Ci sarà tempo per accontentare tutti».