Roma-Milan, Inzaghi: “Affronteremo una delle squadre più forti d’Italia ma siamo il Milan e non abbiamo paura di nessuno” – VIDEO

Filippo Inzaghi, tecnico del Milan, ha parlato in conferenza stampa prima della gara contro la Roma di sabato sera all’Olimpico. Ecco le parole dell’allenatore rossonero:

Su Montolivo
“Sicuramente la presenza di Riccardo ha influito, ma la squadra nel suo complesso contro il Napoli ha avuto un atteggiamento diverso. Sapevamo che dovevamo passare per partite dove ci recuperavano per crescere. Con il Napoli abbiamo fatto un passo in avanti ma non dobbiamo esaltarci. Abbiamo avuto una crescita costante, abbiamo sempre cercato di comandare il gioco. Forse ci mancava una vittoria contro una squadra che sulla carta ambiva allo scudetto e con il Napoli è arrivata. Ora ci attende un’altra partita complicata”.

Sulla Roma
Affrontiamo una delle squadre più forti d’Italia, sarà difficile ma andremo all’Olimpico per giocarcela a viso aperto. Per vincere queste gare servirà la partita perfetta: siamo il Milan e non abbiamo paura di nessuno”. 

Un Olimpico caldo…
“So cosa vuol dire giocare all”Olimpico’ ma siamo pronti: i calciatori sono motivati e non vedono l’ora di scendere in campo. Sono tranquillo e penso che faremo una grande partita. Se la Roma sarà più forte di noi, gli stringeremo la mano: per essere più bravi del Milan ora però serve una grande gara anche da parte dei giallorossi”.

Momento magico di Menez
E’ maturo per fare una grande partita. Ho letto che mi ringrazia, ma deve dire grazie a lui. Con Menez ho solo cercato di capire il ruolo in cui potesse rendere al meglio: dopo qualche allenamento mi sono accorto che da centravanti poteva far bene e lui voleva giocare lì. L’ho messo nella posizione secondo me ideale, come faccio con ogni calciatore. Per questo non ho un modulo fisso, ma cambio”. 

Un buon momento per il gruppo
“C’è una bella atmosfera, una bella armonia e questo mi rende contento. Dopo la sosta avrò l’intera rosa al completo e questa squadra con tutti gli effettivi può fare grandi cose”. 

Il rapporto con la Nazionale?
“Con Conte ho un ottimo rapporto. Lui è il ct della Nazionale e tutti vogliamo bene dell’Italia e del calcio italiano: da parte nostra c’è la disponibilità, poi gli altri decideranno. L’orgoglio del Milan è quello di mandare più calciatori possibili in Nazionale”. 

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE

I più letti

CLASSIFICA SERIE A