Rizzitelli: “Mazzone mi ha fatto lasciare la Roma, è una ferita indelebile. Coppa Uefa delusione più grande” – VIDEO

Ruggiero Rizzitelli, ex giocatore della Roma, è stato intervistato dal canale ufficiale YouTube dei giallorossi ed ha parlato anche della Coppa Uefa del 1991. Queste le sue parole:

Un ricordo del ragazzo ventunenne che partì da Cesena per arrivare a Roma e vestire la maglia della Roma?

Io nasco romanista in casa di romanisti, perché io nasco calcisticamente a Cesena e lì vivevo con Nippo Nappi e Bonaiuti, quindi capisci che stando con loro si parlava soltanto di Roma. Ho vissuto con loro l’anno della finale di Coppa di Campioni, vivendo l’esaltazione e la depressione. Io però non sapevo che poi sarei venuto a Roma, anche perché c’era anche la Juventus. Ad un certo punto mi chiamò il mio ex presidente dicendomi che mi aveva venduto alla Roma. Ho accettato volentieri, a 21 arrivare a Roma da una piccola piazza come Cesena. Devo dire che all’inizio mi sono un po’ spaventato, ma il mitico Dino (Viola, ndr) mi prese sotto braccio e mi tranquillizzò e io capii di aver trovato un padre.

Sul primo gol alla Roma…

Non si può dimenticare. Tornando a Nappi di cui parlavamo prima, mi aveva confessato che il suo sogno era quello di segnare un gol sotto la Curva Sud, lui l’aveva sognato io l’avevo realizzato.

Per le tue caratteristiche, riusciresti a giocare adesso? Qual è l’attaccante che ti somiglia di più?

In questo momento sì, perché ad un attaccante oggi si chiede tanta quantità: corsa, sacrificio. Io sono stato definito anni fa come attaccante moderno. A Torino Nedo Sonetti mi disse che dovevo fare l’attaccante e fare gol, quell’anno ne ho fatti tanti, 19 solo su azione. A fine partita, anche se facevo due gol, non mi divertivo, perché dentro di me non avevo il sacrificio, la corsa per il compagno. La mia gioia era recuperare un pallone perso da un compagno, da un amico. Mi hanno preso per pazzo, ma per me era così. In questo momento si cerca più la quantità che la qualità, ma ovviamente senza la prima non puoi pensare di giocare, altrimenti vai a fare atletica. Basti pensare a Ibrahimovic e Totti.

Chi butti giù dalla torre tra Messi e Maradona?

Butto giù Messi.

Chi butti giù tra Trapattoni e Mazzone?

Mazzone, perché mi ha fatto lasciare Roma ed è una ferita indelebile. Trapattoni mi ha portato al Bayer, mi ha fatto vincere in Bundesliga. Sono stato il primo italiano ad andare a giocare in Bundesliga.

Chi butti giù dalla torre tra Giannini e Rudi Voeller?

Tra i due mi butto giù io. Giannini è stata una persona speciale, era molto timido. Rudi è il campione, per lui ho fatto tanti sacrifici, correvo al posto suo.

Sulla Coppa Uefa persa con l’Inter…

Per me come tutti noi tifosi è stata la delusione più grande. Perché quell’anno è venuta a mancare una grande persona (Dino Viola, ndr) e tutti noi volevamo dedicare la coppa a questa grande persona e regalargli questo trofeo. Siamo arrivati fino alla fine, facendo un grande torneo. Il ritorno della finale è stato una gara fantastica, noi eravamo più forti. Dopo pochi minuti ho preso il palo, ho fatto gol a cinque minuti dalla fine, l’Inter si è chiusa in difesa. Quella coppa noi l’abbiamo vinta sul campo.

Il pubblico a fine partita ringraziò la squadra.

Il pubblico ha capito, ci ha applaudito.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

I più letti

CLASSIFICA

# Squadra PG V P S GF Pts.
1 Milan 18 13 4 1 39 43
2 Inter Milan 18 12 4 2 45 40
3 SSC Napoli 17 11 1 5 40 34
4 Roma 18 10 4 4 37 34
5 Juventus 17 9 6 2 35 33
6 Atalanta 18 9 6 3 41 33
7 Lazio 18 9 4 5 30 31
8 Sassuolo 18 8 6 4 31 30
9 Hellas Verona 18 7 6 5 22 27
10 Sampdoria 18 7 2 9 28 23
11 Benevento 18 6 3 9 21 21
12 Bologna 18 5 5 8 24 20
13 Spezia 18 4 6 8 23 18
14 Fiorentina 18 4 6 8 18 18
15 Udinese 18 4 5 9 20 17
16 Genoa 18 3 6 9 18 15
17 Cagliari 18 3 5 10 23 14
18 Torino 18 2 7 9 26 13
19 Parma 18 2 7 9 14 13
20 Crotone 18 3 3 12 21 12