Ranieri non basta, la Spal mette a nudo i guai della Roma

di Redazione

I primi dieci giorni di Ranieri hanno fatto l’effetto di un analgesico a un malato grave. Se contro l’Empoli la Roma aveva smesso di tossire, ieri ha avuto un collasso davanti alla Spal, che già l’aveva maltrattata all’andata: ha perso 2-1, incapace prima di difendersi, poi di gestire per più di 5 minuti il pareggio su rigore di Perotti, infine di rimontare durante mezz’ora di gioco e sei lunghissimi minuti di recupero. Non il primo crollo, chissà se sarà l’ultimo che la coglie quando tutte le circostanze lascerebbero pensare che sia pronta a spiccare il volo. Le era successo a Bologna e col Chievo, a Udine e a Cagliari. La lotta salvezza è costata alla disgregata ciurma romanista 16 punti. I tre che le ha portato via ieri la Spal a Ferrara le impediscono di agganciare, almeno momentaneamente, il 4° posto che il derby milanese avrebbe potuto consegnarle, seppure in condominio con Spalletti. Invece le resta l’ennesimo rimpianto che Ranieri a caldo ha tradotto in monito: “L’ho detto ai giocatori, se non si va in Champions si cambia aria in parecchi. Devono meritarsi quello che guadagnano“. Lo riporta La Repubblica.