Ranieri deluso: “Non siamo stati squadra. Spal più decisa”

di Redazione

Male, malissimo. Uno scenario peggiore di quello che si è aperto a Ferrara sarebbe complicato immaginarlo, adesso la Roma rischia davvero di non entrare in zona Champions. Un fallimento di risultati e di prestazioni, con Ranieri che sta mettendo la faccia su un tracollo di cui è ovviamente l’ultimissimo responsabile, in ordine di tempo. Sconfitta per 2-1 e umiliata nell’atteggiamento tenuto in campo, la Roma barcolla senza sapere da cosa ripartire. Il mister giallorosso spiega i motivi del ko: “Non siamo stati squadra, abbiamo messo solo la buona volontà ma evidentemente ci sono giocatori che non hanno proprio nelle loro corde di vincere i duelli. Altri non hanno fiducia e non riescono a essere determinati. Tra noi e la Spal, era più determinata la Spal. La testa? E’ uno dei problemi, il secondo che dobbiamo essere più squadra, il terzo che dobbiamo migliorare sotto l’aspetto fisico, perché abbiamo corso, ma l’abbiamo fatto male“. Giocatori che faticano a stare in piedi, tantissimi gli assenti, tanto terrore nelle giocate e nervosismo: “Se non riusciamo ad andare in Champions, cambieranno aria in parecchi. Devono dimostrare di essere da Roma i calciatori e ho detto loro, fin dal mio primo giorno, che devono meritarsi quello che guadagnano. Abbiamo perso contro una squadra che guadagna meno, che è più umile e più determinata, che sta con l’acqua alla gola e l’ha fatto vedere. Senza l’introito della Champions, qualcosa dovrà cambiare“. Lo riporta La Repubblica.