Il Tornatora

Ranieri: «Ci aiuteremo l’un l’altro per subire meno in difesa»

di Redazione

La Roma parte con il piede giusto. E Ranieri, al netto dello spavento finale per il gol annullato a Krunic, può sorridere: «Ero sicuro che sarebbe stata difficile ma devo fare i complimenti alla squadra perché in dieci siamo rimasti compatti. Il primo gol subito non l’ho capito. Sapevamo che l’ultimo uomo dell’Empoli avrebbe fatto il blocco. Sul secondo, invece, il tocco con la mano era netto. Un grosso grazie va ai tifosi che nel momento difficile ci sono stati vicini». Come riporta Il Messaggero, soddisfatto ma senza esagerare: «La cosa migliore è il risultato. Dobbiamo lavorare molto, anche se in questo momento stiamo con la bombola d’ossigeno. Noi il gol prima o poi lo facciamo, dobbiamo invece restare concentrati per non subirne. Non è possibile prendere tutti questi gol. Mi fa essere positivo il fatto che fosse una partita difficile senza molti uomini. Nella ripresa eravamo un po’ nervosi. Visto che in precedenza avevamo preso tanti gol in uscita, ho detto ai ragazzi di giocare la palla solo quando erano sicuri». La prima risposta dai singoli l’ha ricevuta da Schick: «È un giocatore che ha tutto, velocità, dribbling e gol. Gli ho detto “semi fai vedere il carattere che ho visto a Oporto, sei uno dei miei uomini”. Se l’ho visto bene contro l’Empoli? In alcune circostanze sì, deve farlo con più continuità. Ma tutti quanti devono dare di più». Torna sull’espulsione di Florenzi: «È un ragazzo che ha carattere. Ha giocato anche con il problemino al ginocchio ma lui mi ha detto che voleva esserci. Ha fatto di tutto per fermarsi. L’espulsione che ha rimediato è severissima, non so cosa abbia visto l’arbitro. E anche sull’ammonizione di El Shaarawy, l’arbitro mi è sembrato severo».