Il Tornatora

Ranieri amaro: “Con me De Rossi avrebbe continuato a giocare”

di Redazione

Claudio Ranieri sta con De Rossi e alla società americana non le manda a dire. Ha parlato del suo capitano in maniera diretta, con la consueta dimostrazione di personalità: “A Daniele, che è il capitano e una persona storica qui, forse andava detto in un altra maniera, dandogli tempo di pensare bene, invece questo tempo non gli è stato concesso“. Logico che in una situazione del genere, debba valutare attentamente l‘impiego del numero 16 nella sfida al Sassuolo di domani: “Mi rendo conto che dentro di sé sarà sconquassato, immagino che non dormirà la notte. Se mi fosse stato chiesto di restare ad allenare, io su De Rossi avrei detto: ‘Lo voglio perché so che giocatore è, che uomo è, che capitano è’“. Alla fine l’allenatore testaccino ha rivolto un appello alla tifoseria: “Mi auguro che l’ultima partita sia una festa per Daniele. Il tempo delle contestazioni ci sarà, ma contro il Parma sia l’occasione per dimostrare amore a Daniele e alla Roma“. Lo scrive il Corriere dello Sport.