Raggi: “Infrastrutture e posti di lavoro. Ecco perché dico sì allo stadio”

di Redazione

Invocata, criticata e poi decisa, respingendo 7 ordini del giorno dell’opposizione. Nel consiglio comunale straordinario dedicato proprio al nuovo stadio della Roma di Tor di Valle, la sindaca Virginia Raggi si prende la scena e difende il progetto. “Quello della Giunta Marino era una speculazione edilizia. Abbiamo fatto un’analisti costi-benefici e l’esito ci ha confermato che la costruzione verrà effettuata nell’area di Tor di Valle. Abbiamo iniziato a tagliare tutte le opere accessorie. Allo stadio si andrà al 50% in auto e al 50% con la struttura su ferro. Il progetto porterà 800 milioni di investimenti privati e molti posti di lavoro”. Lo riporta La Gazzetta dello Sport.