mondiali2022_Qatar

Nuove prove di elementi di corruzione nell’assegnazione dei mondiali di calcio in Russia nel 2018 e in Qatar nel 2022: è quanto denuncia il documentario «The Selling of Football – Sepp Blatter e il potere della Fifa» realizzato dalla Tv tedesca Ard. Durante la registrazione del documentario, una troupe televisiva composta da giornalisti e tecnici dell’Ard e della Westdeutscher Rundfunk (Wdr) è stata arrestata in Qatar. L’emittente aveva denunciato in diverse occasioni, negli ultimi anni, la gestione dei preparativi per la Coppa del Mondo del 2022 e le condizioni di vita dei lavoratori del paese. Invano, la troupe ha cercato per settimane di ottenere il permesso di girare e aveva chiesto colloqui con alti funzionari del governo in merito alle riforme del diritto del lavoro e sulle condizioni di vita dei lavoratori migranti. La troupe è stata arrestata mentre stava girando insieme ai lavoratori nella capitale del Qatar, a Doha. Successivamente, la troupe è stata interrogata dalla Sicurezza di Stato davanti al pubblico ministero e, soltanto dopo 14 ore, è stata liberata nel mezzo della notte. I dipendenti Wdr non hanno potuto lasciare il Qatar per i successivi 5 giorni, finché il ministro degli Esteri dell’emirato non ha dato loro il permesso. Macchine fotografiche, pc portatili e cellulari sono stata confiscati e restituiti alla troupe solo dopo un ritardo di quattro settimane. Tutti i dati sono stati cancellati e parte delle apparecchiature sono state danneggiate.

Un membro del Comitato esecutivo della Fifa coinvolto nelle elezioni, ammette ad Ard che sono stati conclusi degli affari con aziende leader in Russia e Qatar a ridosso del momento della concessione dei tornei. Il Presidente del Comitato tecnico di valutazione della Fifa aveva già classificato le proposte di Russia e Qatar con feedback negativi, tuttavia le due nazioni hanno prevalso contro rivali di alto profilo, come Inghilterra, Belgio e Paesi Bassi, Stati Uniti e l’Australia. Inoltre, il documentario fornisce la prova dell’appropriazione indebita di fondi di sviluppo Fifa da parte di un presidente della federazione africana, che avrà diritto di voto per l’elezione del Presidente Fifa che si tiene il prossimo 29 maggio. Documenti bancari provano il ricevimento dei corrispondenti pagamenti e prelievi in contanti delle somme dal conto. Interrogata su questo, la Fifa ha dichiarato che solo la sua divisione di Investigazione può pronunciarsi in merito a questa questione. La divisione ricerca, a sua volta, ha detto che non poteva dire nulla su questo caso sulla base di regolamenti che sono stati determinati dalla Fifa.

AdnKronos