Pedro: “Sono entusiasta di questa nuova sfida. Spero di rendere felici i tifosi”

Le prime parole di Pedro da giocatore della Roma: "Felice di essere qui. Ringrazio i tifosi per l'accoglienza ricevuta"

di Redazione

Pochi minuti fa, la Roma ha ufficializzato l’ingaggio di Pedro Rodriguez, attaccante spagnolo ex Barcellona e Chelsea che arriva nella Capitale a parametro zero, dopo essersi svincolato dal contratto con i Blues. Pedro ha firmato con i giallorossi un accordo fino al 2023 e, in occasione del suo annuncio, ha rilasciato alcune dichiarazioni ad asroma.com. Queste le prime parole di Pedro da giocatore della Roma:

Benvenuto a Roma! Quali sono le tue sensazioni dopo l’arrivo nella Capitale?

È davvero bello essere qui. Sono davvero felice di essere arrivato in questo Club. Devo ringraziare tutti per l’accoglienza: dai tifosi alla società, passando per lo staff. Sono molto contento: è una nuova sfida per me, giocare in Serie A e in un nuovo paese.

Hai vinto molto in carriera, anzi: tutto. Quali sono le tue motivazioni e le tue ambizioni ora che sei arrivato alla Roma?

Come prima cosa, quando arrivi in ​​un nuovo club vuoi vincere ancora. Capisco che sia difficile, ma questo è l’obiettivo. La mia ambizione è sempre molto alta e una volta arrivato qui il mio obiettivo deve essere quello di voler vincere con la Roma, assieme a tutto lo staff. Vincere un trofeo è possibile e capisco che rappresenti una grande sfida per la squadra e per tutti.

Sei un giocatore di primo livello e senza dubbio ci saranno stati tanti club hanno voluto ingaggiarti quest’estate: cosa ti ha convinto della Roma?

Mi ha convinto perché è una grande squadra. È una squadra che cresce, in pochi anni può crescere molto. Per questo sono venuto qui. Ho parlato anche con Paulo (Fonseca, ndr), che è un bravo allenatore. Ha parlato con me, mi ha spiegato che per me sarebbe stato un buon momento per arrivare in questa squadra e per giocare con i nuovi compagni di squadra, per provare a conquistare qualcosa di speciale. Ripeto: è difficile, ma non impossibile. Ci sono così tanti bravi giocatori qui e questo è un altro motivo per cui sono venuto.

Che tipo di conversazioni hai avuto con Paulo Fonseca e di cosa avete discusso?

Ovviamente quando arrivi hai molte motivazioni e ambizioni per crescere e migliorare assieme ai compagni di squadra. Ne ho parlato con Paulo, ha detto che questo è un ottimo club, con buone strutture e con tanti aspetti da valorizzare negli anni a venire e per me questo è un bene. Voglio ringraziarlo per la fiducia che mi ha dimostrato. Sono molto motivato nell’affrontare una nuova competizione come la Serie A assieme alla squadra. Sono felice di essere qui e sono stimolato nel fare qualcosa di speciale qui.

Hai già avuto la possibilità di vedere la città e ora anche le strutture del club. Quali sono state le tue prime impressioni?

Sì, ovviamente sono arrivato in una città molto bella! Roma è una città storica in Europa e nel mondo. Questo è fantastico per me. Ed è anche bello incontrare le persone che mi augurano il meglio in questa città e con questo club. Sono davvero impressionato da questa città, è molto grande, è magnifica e mi aspetto di poter esprimere il mio miglior calcio qui. Voglio divertirmi assieme ai tifosi.

Quanto sei entusiasta di giocare regolarmente allo Stadio Olimpico, un campo in cui hai anche vinto la Champions League per la prima volta?

Sì, ho dei bei ricordi perché ho vinto una Champions League all’Olimpico di Roma. Quindi per me è uno stadio unico, un posto speciale nella mia carriera. E ora ho la possibilità di giocare per questa squadra, per questo sono molto felice di essere qui.

Hai già provato l’accoglienza dei fan?

Assolutamente sì. Devo dire grazie, ancora una volta, perché sono davvero motivato e voglio iniziare con la squadra e giocare in Serie A. Devo ringraziarli per questa accoglienza. Mi sento già a mio agio qui, dai primi giorni e questo può essere solo un bene.

Come stai con la spalla? Come sta andando la ripresa e i tifosi quando possono aspettarsi di vederti sul campo?

Adesso è importante per me recuperare bene e poter partire forte con la squadra. La cosa più importante è fare piccoli passi nelle prossime settimane. Ma qui sono in buone mani, tutti i fisioterapisti e lo staff sono incredibili e per me la cosa più importante è fare le cose passo dopo passo, così mi riprendo bene e posso partire forte.

Questa è la tua seconda esperienza all’estero. Cosa hai imparato e come pensi di essere migliorato nel periodo passato al Chelsea? Che sfida sarà giocare in Serie A?

Ancora non so cosa mi aspetta, perché non conosco questo campionato. Ma sono cresciuto molto giocando in Premier League, perché è un campionato di livello e molto competitivo. E penso che la Serie A sia probabilmente simile, perché è molto difficile. Molte squadre stanno attraversando un grande momento, quindi è sarà un altro campionato forte e competitivo e sarà positivo per la mia carriera giocare qui.

Ti unisci a una squadra abbastanza giovane. Hai molta esperienza nel mondo del calcio: cercherai di dare consigli e indicazioni ad alcuni dei giocatori più giovani, se te lo chiederanno?

Alcuni dei giocatori qui hanno un grande potenziale. Come Nico, ad esempio: è un grande giocatore, un giocatore potente che segna gol. È molto positivo per la squadra avere giocatori così qui. Carles Perez è un’altra buona ala e ha un grande potenziale per fare bene per questo gruppo. E per quanto riguarda me, sì, sono un giocatore esperto, ma penso che sia positivo avere questo tipo di mix di esperienza e giovani giocatori per competere, combattere e fare bene sul campo.

Quali sono allora i tuoi obiettivi personali, per questa stagione e per questo prossimo capitolo della tua carriera?

Ovviamente voglio vincere sempre. Voglio vincere un trofeo per la Roma. È una grande sfida, è difficile ma non impossibile. Ci sono così tanti giocatori qui, i migliori giocatori – Dzeko, Micki, anche altri con una grande esperienza – e questo è positivo per combattere e competere con altre squadre per un trofeo, sia in campionato sia in una coppa. Quest’anno giochiamo in Europa League ma avremo una la mentalità giusta per conquistare l’accesso alla Champions League in questa stagione. Mai dire mai. La cosa più importante è andare passo dopo passo, partita dopo partita, e alla fine vedremo se sarà una buona stagione per noi.

I tifosi parlavano da tempo del tuo arrivo ed erano molto preoccupati quando ti sei fatto male nella finale di FA Cup. Hai un messaggio per loro?

Vorrei solo ringraziarli di questo benvenuto. Spero di giocare il mio miglior calcio qui. Sono davvero motivato e non vedo l’ora di iniziare con la squadra, di unirmi ai miei compagni e di lottare per i nostri obiettivi.