Parnasi ancora sotto torchio. I collaboratori restano in cella

di Redazione

Il secondo interrogatorio di Parnasi è durato 4 ore con l’indagato che ha cercato di fornire nuovi e più importanti elementi che gli possono consentire di passare l’estate lontano dal carcere. Per fare questo, come riporta Il Tempo, l’imprenditore dovrà dimostrare anche il cessato pericolo di recidiva e inquinamento probatorio, una cosa non semplice. Intanto il gip Tomaselli ha ribadito il suo “no” per la scarcerazione do Mangosi e Talone, due collaboratori del costruttore.