Pallotta: “Settimana dura, ci sarà tempo per il Liverpool prima pensiamo al campionato. Nessuna possibilità che Alisson vada via”

di Redazione

James Pallotta, presidente della Roma, al termine del derby contro la Lazio ha rilasciato alcune dichiarazioni. Queste le sue parole:

PALLOTTA A SKY

Soddisfatto del risultato?
E’ stata una settimana dura dopo la partita di metà settimana col Barcellona. Oggi abbiamo avuto diverse occasioni, nelle prossime partite dobbiamo occuparci del prossimo anno, sono un po’ rammaricato. Non dobbiamo pensare solo al Liverpool ma anche alle altre partite che ci potrebbero portare nelle prime quattro e in Champions League.

Potete arrivare in finale?
Perché no. Il Liverpool è sono forti ma possiamo giocare bene. E’ come un derby di Boston.

Cos’ha detto alla squadra stamattina?
Quello che succede a Las Vegas resta a Las Vegas, e così quello che succede nello spogliatoio.

Alisson sarà il portiere della Roma?
Non capisco perché la gente continui a chiedermelo, non ci sono intenzioni di venderlo. Zero possibilità. Non ci interessa venderlo, quando l’abbiamo preso pensavo fosse un grande portiere e lo penso ancora, non c’è nessuna possibilità di venderlo.

Quanto è stato importante il match con il Barcellona per far conoscere la Roma nel mondo?
Nessuno deve sorprendersi, perché abbiamo giocato bene nella fase a gironi, vinto e giocato bene con Chelsea, con lo Shakhtar squadre con grandi giocatori. Quando abbiamo giocato a Barcellona sapevamo come dovevamo giocare. La prima partita nel punteggio non era stata per niente vicina alla verità di come avevamo giocato, li abbiamo presi di sorpresa per il cambiamento che ha voluto fare il tecnico ed è estremamente importante per la squadra essere conosciuti all’estero, per i tifosi e la città di Roma, la consapevolezza di avere una squadra forte che può giocare bene in Europa.

Ha incontrato il sindaco, a che punto siamo per lo stadio?
Con la Raggi abbiamo parlato più che altro di soldi. Mi ha multato, devo dare al sindaco 240mila euro, l’acqua era anche fredda.

La prossima multa?
Vi facciamo una sorpresa, c’è il Colosseo, ci sono altre fontane e tanti altri posti dove andare in caso vincessimo col Liverpool.

PALLOTTA A MEDIASET

Che pensa della partita?
Certamente non è stata una bella serata come col Barcellona, c’è dispiacere per quello che è successo, non pensiamo al Liverpool perché ci sono ancora due partite.

L’obiettivo è Kiev?
No, al momento l’obiettivo è il Genoa e poi la Spal. Ci sarà tempo per il Liverpool, è un sogno sia per i romanisti che per la gente di Boston che aspetta questa partita.

Ci sono novità riguardo lo Stadio della Roma?
La partita ora è politica, c’è tempo fino a luglio. E’ un peccato per i tifosi che non possono avere in tempi brevissimi lo stadio.

Chi sta meglio tra le tre squadre che lottano per la Champions?
Non sono preoccupato di quello che fanno le altre squadre, sono concentrato sulla Roma.

Sei contento di non aver venduto Dzeko a gennaio?
C’è stato un interesse per lui, sapete come lavoriamo: ascoltiamo tutte le offerte. Non c’è stata un’offerta concreta, solamente delle chiamate. Non avevamo interesse nel vendere Dzeko.

Sei contento di incontrare Salah?
Qualcosa sappiamo dei suoi movimenti, siamo contenti che ha lasciato un bel ricordo nei tifosi.