PALLOTTA-SABATINI-BALDISSONI

Il Corriere Dello Sport (G.D’Ubaldo) – Pallotta sempre più al comando della Roma, con un organigramma più forte in vista della prossima stagione. Sabatini deve ancora sciogliere i suoi dubbi, non sa ancora se resterà. Intanto continuerà a fare il mercato, forse anche fino a settembre, poi probabilmente lascerà a un ufficio di direzione sportiva, nel quale troverà posto anche Massara, il suo braccio destro che ha spinto lui a dare la disponibilità a Pallotta, quando gli ha chiesto di assumere l’incarico di direttore sportivo, durante il vertice di Boston. Ci sarà anche Federico Balzaretti, che ha già preso il patentino di direttore sportivo. La creazione di una nuova struttura, l’ufficio di direzione sportiva, è l’ipotesi più probabile, anche se alcuni dirigenti (più di Pallotta) stanno cercando di convincere il direttore sportivo a restare.

ZECCA SALE – Un profilo più importante nell’organigramma societario lo avrà Alex Zecca, che ha avuto un ruolo determinante nelle ultime decisioni di Pallotta. L’imprenditore italo-americano avrà una qualifica ufficiale per la prossima stagione e intensificherà la sua presenza a Roma. Sarà lui il dirigente più importante dopo Baldissoni, se Sabatini insisterà con l’idea di rassegnare le dimissioni. In questo caso il dirigente umbro potrebbe accettare le offerte del Bologna, pronto a fargli ponti d’oro per convincerlo ad accettare. Zecca si occuperà anche di mercato con il suo software che controlla i campionati di tutto il mondo. Baldissoni ha rinnovato il contratto per altri tre anni, mentre non ha ancora firmato il prolungamento Italo Zanzi. La posizione dell’amministratore delegato sarà esaminata al termine di questa stagione. Non è ancora chiaro il nuovo ruolo di Bruno Conti, che ha lasciato dopo ventuno anni l’incarico di responsabile del settore giovanile. Ha preso possesso del nuovo incarico il suo successore, Massimo Tarantino, 44 anni, entrato nello staff giallorosso nel 2013. Uomo di fiducia della società, ha cominciato con la scuola calcio all’Acquacetosa e ora è diventato il massimo dirigente del settore giovanile giallorosso. Dove c’è sempre la supervisione di Sabatini, attraverso il suo collaboratore Massara.