Nanni (rappresentante medici Serie A): “Quella della ASL è una decisione che non riesce a farci andare avanti”

"Pronti a modificare il protocollo se sarà necessario"

di Redazione

Il medico sociale del Bologna e rappresentante dei medici dei club di Serie A all’interno della Commissione medica della FIGC, Gianni Nanni, è intervenuto a proposito del protocollo anti-Covid e dei contagi nei club. Queste le sue parole ai microfoni di Radio Punto Nuovo:

Se sarà necessario, siamo pronti a modificare il protocollo in minima parte. Cancellare nel protocollo la parte nella quale si lascia spazio all’autorità statale o locale come nel caso della Asl di Napoli? Dovremmo richiedere uniformità delle Asl, diventa impossibile andare avanti, siamo in balia delle autorità locali. Ma le autorità locali non possono intervenire con il minimo sospetto. I positivi al Genoa? Non c’entra con la Asl di Napoli, quello di Napoli non è un focolaio. Quella della Asl è una decisione che non riesce a farci andare avanti. Abbiamo ribadito che il protocollo vada seguito ed è importante. Sia in campo, sia negli spogliatoi, sia in allenamento, sia in gara. Dobbiamo evitare problemi nel gruppo squadra, siamo pronti ad affrontare le varie situazioni”.