Guido Nanni: “Bravo Pau Lopez, ma Szczesny un gioiello. Stekelenburg il rimpianto più grande”

Parla l'ex preparatore dei portieri: "Lo spagnolo non fa parate da dieci in pagella, ma la Roma è in buone mani"

di Redazione

La Gazzetta dello Sport (F. Pietrella) – Guido Nanni ha lavorato per sei anni nella Roma come preparatore dei portieri. Dal 2010 al 2016 ha visto passare per le sue mani diversi giocatori, ma quello che più lo ha catturato è stato Szczesny, attuale portiere della Juventus. Adesso ha aperto una scuola tutta sua alla “Totti Soccer“, osservando i giallorossi da lontano. Queste le sue parole:

Un parere su Pau Lopez?

Non fa parate da dieci in pagella, ma la Roma è in buone mani. Fonseca l’ha voluto per il suo gioco con i piedi, anche se tecnicamente Szczesny e Stekelenburg erano più bravi.

Il migliore allenato?

Szczesny, un diamante grezzo. Consigliai a Garcia di acquistarlo. A Roma ha imparato a stare in porta.

Un rimpianto?

Stekelenburg. Lo vedevo in allenamento e pensavo fosse un fenomeno, ma soffriva la partita.