Il Tornatora

Mkhitaryan attaccante verticale

di Redazione

Mkhitaryan ha passato poche ore a Roma e c’è curiosità di vederlo all’opera e curioso lo è soprattutto Fonseca che su di lui ha disegnato un pezzo del gioco offensivo giallorosso. Ha giocato in Germania e in Premier, non solo, quindi è ben noto al calcio e nel suo paese è un eroe. Veste la fascia da capitano, comanda il gioco, insomma è un leader indiscusso. Ha una tecnica essenziale, ama andare dritto, attaccare la porta, come piace al mister portoghese. Si dedica all’assist ed ha pure il vizio del gol partendo dal centro o dall’esterno. Ieri è stato schierato trequartista nel 4-2-3-1 armeno, un modulo che ritroverà anche nella Roma. Con l’infortunio di Under lo ammireremo a sinistra con Zaniolo sulla destra e Pellegrini in mezzo. Un tipo di trequartista così in Italia non si vede spesso, questione di equilibri. Mkhitaryan è abituato a fare ciò che vuole proprio per sfruttare le sue qualità tecniche e di attaccante. Con Dzeko che si abbassa potrà trovare giovamento nel ruolo di esterno, che prende il pallone e si accentra. Lo riporta Il Messaggero.