Pagine Romaniste (dallo Stadio Olimpico D.Moresco) – Giovanni Malagò, Presidente del CONI, è stato intervistato durante l’intervallo di Roma-Lecce. Queste le sue parole:

Il tema degli Europei coinvolge solo la UEFA, la valutazione di quello che è l’andamento delle cose. Mi risulta che non ci sia nessuna controindicazione, ma non sono io a doverlo dire. Per ciò che riguarda Tokyo, il CIO è in contatto costante con me. Non c’è nulla che lascia supporre un cambiamento di programma“.

Rinvio Roma-Lecce?
Non è stato preso in considerazione, non mi risulta. Il criterio è stato quello di intervenire su alcune specifiche aree geografiche quindi il discorso non è Roma-Lecce, è la città di Roma che oggi aveva altre manifestazioni. Anche ieri in Italia-Scozia c’erano 55mila persone. Il discorso compete il luogo e non la singola gara.

Sembra che lei sia perplesso dalla decisione presa…
La condivido. Magari sono stanco e non ho dormito. Gli organi collegiali del CONI, alle 3.30 di notte, hanno mandato alle associazioni sportive di Lombardi e Veneto le comunicazioni. Non è banale e fino ad ora c’è stato rispetto religioso. Come associazioni sportive valgono molto di più, a spanne un 45% delle società sono in quelle zone. Tutte quante hanno recepito e si sono comportate come abbiamo chiesto.