L’editoriale di Costanzo: “Io insisto, mejo a Roma squadra e città”

Corriere dello Sport (M. Costanzo) – Interrogativi estivi. Mi chiedo, infatti, cosa pensino gli allenatori, da Allegri, a Spalletti, a Gattuso, a Conte, di Mourinho? Credo che ne pensino bene, perché la fama di Mourinho è da tempo europea, se non oltre. Devo dirvi che passa il tempo, leggo dei suoi comportamenti e più il carattere di “Special One” mi piace.

Non so perché – e spero che qualcuno me lo voglia raccontare – Zaniolo è stato chiamato “il predestinato”. Forse per “il predestinato” si intende Tommaso, il figlio che ha avuto Zaniolo e che quindi dovrebbe essere calciatore anche lui. Mi sembra un po’ esagerato, anche per rispetto verso questa creatura che ha poche settimane di vita e non può sentirsi obbligato sin da ora a fare il mestiere del papà.

Mourinho: “Fortnite? Un incubo”

Parlando di recente in una emittente romana che si occupa, appunto, della Roma, mi è stato domanda se quanto avevo scritto sul “Corriere dello Sport” “mejo a Roma” aveva ancora senso. Ho risposto che ne ha sempre di più, in quanto è mejo a Roma come squadra ed è mejo a Roma come città.

Sono stanco di ripeterlo, ma se il destino ha voluto che, duemila anni fa, a Roma si costruisse il Colosseo, una ragione ci sarà. Perché il Colosseo non c’è a Torino? Non c’è a Trieste? Non c’è a Milano? Quindi, ribadisco il concetto: mejo a Roma oppure mejo Roma. Mi piacerebbe che crescesse il numero delle donne che vanno allo stadio a vedere la partita. Insomma, delle tifose. Se fossimo un po’ meno assillati dal Covid, si potrebbe creare un corso sulla più bella romana che va allo stadio.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE

I più letti