Il Tornatora

La Roma apre per Verde, il napoletano che piace a Giuntoli

di Redazione

Il Mattino – Sembra di essere tornati indietro nel tempo. E d’altra parte è un periodo in cui il retrò e la moda vintage vanno eccome. Il Napoli gira la ruota e compra una vocale: non più Verdi (del Bologna), ma Verde (della Roma, ma in prestito al Verona). Il ruolo è più o meno lo stesso – esterno d’attacco -ma a fare la differenza è la carta di identità. Quella di Simone Verdi, infatti, dice 1992, mentre quella di Daniele Verde dice 1996. Quattro anni che possono fare tutta la differenza del mondo, anche perché se il presente è tutto del primo, il futuro è assolutamente del secondo. Non è un mistero che Cristiano Giuntoli aveva provato a fare un sondaggio con l’entourage del giocatore già un anno fa e ora il nome è tornato a farsi caldo.

Perché? Facile, da quando Verde si è trasferito in prestito a Verona è sempre stato uno dei migliori uomini nella rosa di Pecchia. 4 gol (due in serie A e due in coppa Italia) e due assist che sono serviti eccome ai veneti nella lotta per non retrocedere, ma non è tutto. Verde è il classico esterno che sa fare bene entrambe le fasi e può rappresentare un profilo ideale sul quale costruire il futuro della fascia destra. Daniele Verde è un napoletano doc: cresciuto nella scuola calcio Pigna, ha lasciato Napoli solo quando è arrivata la chiamata da parte della Roma per portarlo nel proprio settore giovanile. E dopo l’esordio in Serie A con Garcia e una serie di “stage” formativi in giro per l’Italia tra serie A e serie B ha rinnovato il contratto prima di essere parcheggiato a Verona.Ma dopo le prestazioni di livello potrebbe lasciare la squadra di Pecchia già in questa sessione di mercato. Il Napoli può essere una destinazione gradita, sia al giocatore che alla dirigenza azzurra che già in passato ha dimostrato grande apprezzamento. Potrebbe rappresentare l’uomo giusto per crescere al meglio e poi esplodere grazie alle cure di Sarri. Al momento resta un’ipotesi (anche se la Roma ha già dato l’ok alla sua eventuale cessione al Napoli), ma può diventare una concreta realtà.