khedira-juventus

Corriere Dello Sport (A.Barillà) – Primo giorno di lavoro allo Juventus Center di Vinovo dopo la vittoria nel derby con il Torino, ma la testa è già rivolta alla sfida scudetto di sabato con la Roma: «Totti è una leggenda – dice Sami Khedira -, è stupendo vederlo giocare a quarant’anni: ha tutto il mio rispetto per come si mantiene in forma, rimanendo uno dei giocatori più forti non solo in Italia, ma in tutta Europa. La Roma è quattro punti dietro, dobbiamo stare attenti: sono forti in attacco e solidi in difesa, hanno tutto per primeggiare. Batterli è difficile, però giochiamo in casa e questo sarà un grande vantaggio. Non vediamo l’ora di affrontarli: tra prima e seconda, sarà la partita più bella».

GIOCO – Il centrocampista tedesco, intervistato da Sky, commenta anche le critiche piovute sulla Juve: «Riceverle è normale e legittimo. Anche altri grandi club – Bayern, City, Barcellona e lo stesso Real -, al momento non stanno giocando così bene, però è a fine stagione che bisogna essere al cento per cento. Siamo in vetta al campionato e siamo passati come primi nel girone di Champions, sappiamo tuttavia di dover migliorare. Nelle ultime partite siamo cresciuti, eccetto a Genova, ma una battuta d’arresto può starci: stiamo giocando sempre meglio e dopo Natale vedrete le migliore Juventus. Secondo me, fra febbraio e marzo».

DERBY – Una riflessione sul derby, per quanto già consegnato agli archivi, si impone: «Ritengo sia stata una partita intensa e divertente. Dopo il vantaggio del Torino abbiamo giocato molto bene: aver pareggiato già nel primo tempo è stato molto importante. A conti fatti, penso che la vittoria sia stata meritata., abbiamo offerto un’ottima prestazione contro una squadra tosta. Vincere il derby è stato molto importante non solo per noi, ma soprattutto per i tifosi e per il club».