Intervista a Rodrigo Taddei: “Amo la Roma, vivrò qua. I tifosi della Roma sono fantastici, è piacevole fermarsi per strada per una foto o un autografo, non mi pesa. Il problema è quando non me le chiederanno più”

Rodrigo_Taddei

Rodrigo Taddei ha concesso un’intervista a Roma Channel che andrà in onda alle ore 18.30.

Ecco un’anticipazione:

Mi dispiace tantissimo per il brutto infortunio di Kevin. Chi ama il calcio e lo ha visto giocare non può non essere dispiaciuto“.

Su Rudi Garcia: “Ha saputo da subito dare lo spirito giusto alla squadra: anche chi gioca poco è sempre concentrato per far bene”.

Sugli obiettivi stagionali: “Per il secondo posto dobbiamo rimanere concentrati fino alla fine. Abbiamo dimostrato di essere forti e tutti ci rispettano

 

L’INTERVISTA INTEGRALE:

 

E’ un piacere averti qua

E’ un piacere per me, mi avete fatto questo regalo, sono contento ogni volta che vengo a Roma Channel, ogni tanto ci troviamo anche fuori facendoci battute fuori, mi fa piacere.

Come stai vivendo questo momento? Sei sempre considerato allo stesso modo dalla gente da otto anni
La serietà nel lavoro paga, cerco sempre di concentrarmi in quello che devo fare e nel corso degli anni vengo pagato con il rispetto della gente, con l’amore che sento dei tifosi della Roma e di tutti quelli che mi fanno i complimenti, sono cose gratificanti.

Il tuo segreto?
Cerco di stare sempre concentrato, vengo sempre con piacere a Trigoria, stare qua con i compagni ad allenarsi e al tempo stesso divertirsi.

Il tuo percorso nella Roma?
Tanti cambiamenti, da quando sono arrivato sono rimasti solo Totti e De Rossi. La nuova società ha avuto un paio d’anni per mettere a posto le cose, e adesso ci stiamo togliendo soddisfazioni.

Quali sono le emozioni a rivedere giocate e interviste?
Ogni volta mi vengono i brividi, con la Roma è sempre emozionante.

Totti disse che sei uno dei giocatori più tecnici con cui ha giocato, ma tu in campo giochi più all’europea
In partitella puoi fare il giocoliere, in partita cerchi di essere rispettoso, di rispettare il nostro compagno stesso, in una situazione in cui tutti corrono e si sacrificano non puoi perdere un pallone per fare una giocata. In Brasile giocavo con giocatori che hanno giocato i Mondiali, e mi dicevano che mi sarei adattato facilmente nel calcio europeo, avevano un occhio particolare, per essere giocatori che avevano giocato dappertutto.

L’Aurelio in Grecia?
Ho potuto provare ed è venuto bene, i compagni mi dicevano di provarla in partita e mi è capitata quell’opportunità.

Quella rovesciata storica?
Come quella di Florenzi, che è stata da Panini. Non avevo vinto granché ma stavo nella Roma, una delle squadre più forti del momento. Il portiere era Fortin, con cui ho giocato a Siena, provavo le rovesciate con lui, e sono riuscito a farlo con un mio collega, ancora oggi ci sentiamo e ci scherziamo. Lui mi dice “ma no, ti ho lasciato perché ho visto che eri te”, ma è andata troppo bene.

Che gruppo è quello di oggi?
Giovane, con alcune componenti di esperienza, come Totti, De Rossi, Castan, che in Brasile ha vinto con una squadra in cui è difficile giocare come il Corinthians. E’ un mix perfetto, è completo. C’è un’amicizia fuori dal campo che è possibile portare dentro il campo.

Come fai a farti trovare sempre pronto?
Non è semplice quando giochi poco. Ma io sono sempre stato bene alla Roma, è il mio carattere tenermi sempre pronto e allenarmi, perché il calcio è pieno di sorprese. Mi è dispiaciuto molto per Kevin che ha avuto quell’infortunio, ma tutti quelli che ammirano il calcio e hanno conosciuto Kevin sono dispiaciuti per quell’immagine. Io stavo aspettando la mia opportunità, mi è dispiaciuto per com’è andata, ma questo è il calcio: succedono cose belle e brutte. E’ una situazione brutta da un lato, e dall’altro io posso dimostrare ancora qualcosa.

Sei su Twitter e Facebook adesso
Si, va molto. Se è fatta bene è molto seguita. E’ una nuova avventura.

Hai fatto anche il portiere in Brasile. Cosa ti manca?
Non mi manca niente, ho fatto anche il difensore centrale. Ho fatto un po’ tutto. Però è quello che mi ha dato la vetrina per arrivare dove sto oggi. Ho tanta facilità di adattarmi in qualsiasi ruolo, e scelgo di lavorare sempre per migliorare i miei errori, e quando si tratta di un nuovo ruolo cerco di rubare da chi ha più esperienza in quel ruolo.

Cosa pensi di Garcia?
Ha preso in mano la situazione e ha fatto diventare la  squadra con un certo tipo di carattere e concentrazione. Dando concentrazione anche a quelli che stanno fuori. Il ruolo dell’allenatore è difficile, possono giocare solo 11 ma devono essere sempre tutti pronti. Lui è riuscito a dare uno spirito di squadra.

Tua madre ha un album particolare
Si, con più di seicento magliette delle squadre che ho affrontato. Mio fratello, che ho perso, faceva la collezione, e poi ha continuato mia madre.

Il primo posto?
La Juve è una grande squadra, la Roma nessuno se l’aspettava ma ancora siamo qua. Dobbiamo fare più punti possibili, perché la matematica dice che finché c’è la possibilità dobbiamo provarci fino in fondo. Non è facile, loro hanno un grande vantaggio. Se non arriviamo primi dobbiamo almeno non scendere.

Preoccupati per le prestazioni del Napoli?
Penso che noi dobbiamo esserlo. Il mister sta cercando di tenere la squadra concentrata sulle partite che vengono. Non dobbiamo pensare molto al terzo o al primo, dobbiamo pensare a noi, ce la possiamo fare, abbiamo dimostrato di avere una squadra forte che ovunque andiamo ci rispettano.

Similitudini con la Roma di Spalletti?
Questa è una squadra più equilibrata, con Spalletti rischiavamo di più. Oggi prendiamo pochi gol. Castan, Benatia e De Sanctis parlano molto, e a fine partita li vuoi gonfiare di botte per quanto urlano, però sono grossi. Il mister chiede comunicazione, e in campo si stanno vedendo i risultati.

Attenzione al Chievo?
Si, tutti quelli che affrontano la Roma danno sempre qualcosa in più, prendono forze da dove non ne hanno. Dobbiamo stare attenti, sarà molto difficile.

(Hanno un buon ritmo) Si, corrono tutti, i giovani hanno voglia di farsi vedere per giocare in squadre di alta classifica.

Andrai in Brasile al Mondiale?
No, ci sarà un casino. Io sono di San Paolo, ci sono 25 milioni di abitanti. Al mondiale ce ne saranno 40.

Vince il Brasile?
Non lo so, non è facile. E’ un periodo di cambiamento. Ha un grande allenatore, Scolari, che sa fare gruppo ed è molto intelligente. Non sarà facile perché ci sono tutti i giocatori più forti al mondo che cercano di fare il meglio. Però ci sono i tifosi, che sono caldi, come quelli della nostra Roma. I tifosi della Roma sono fantastici, è piacevole fermarsi per strada per una foto o un autografo, non mi pesa. Il problema è quando non me le chiederanno più.

Hai mai pensato di lasciare la Roma?
No, anche se ho avuto tante proposte per giocare di più, ma la Roma è la mia seconda pelle. Cerco di fare il massimo fino all’ultimo giorno, mi dispiacerà perché amo la Roma, quando finirò vivrò qua, ho la famiglia qua. E’ una situazione un po’ delicata, spero che vada per il meglio perché sto bene qua.

Stai provando una nuova finta?
Si, non si smette mai di inventare.

 

 

 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

I più letti

CLASSIFICA

# Squadra PG V P S GF Pts.
1 Milan 17 12 4 1 37 40
2 Inter Milan 17 11 4 2 43 37
3 Roma 18 10 4 4 37 34
4 Juventus 16 9 6 1 35 33
5 Atalanta 16 9 4 3 40 31
6 SSC Napoli 16 10 1 5 34 31
7 Lazio 18 9 4 5 30 31
8 Sassuolo 17 8 5 4 30 29
9 Hellas Verona 18 7 6 5 22 27
10 Benevento 17 6 3 8 20 21
11 Sampdoria 17 6 2 9 26 20
12 Bologna 18 5 5 8 24 20
13 Fiorentina 17 4 6 7 18 18
14 Spezia 18 4 6 8 23 18
15 Udinese 16 4 4 8 18 16
16 Cagliari 17 3 5 9 23 14
17 Genoa 17 3 5 9 18 14
18 Torino 18 2 7 9 26 13
19 Parma 17 2 6 9 13 12
20 Crotone 17 2 3 12 17 9