In questa Roma segnano tutti

Corriere dello Sport (R.Maida) – Fonseca ha già trovato il sostegno di 10 marcatori diversi in stagione, uno in meno del Milan che ha portato in rete Colombo e Calhanoglu nei preliminari di Europa League. La Roma ha dimostrato di essersi liberata da un’insidiosa dipendenza: quella da Edin Dzeko. Il bosniaco ha segnato “solo” tre gol su 23. Resta un punto di riferimento importante, se non determinante, per il gioco offensivo della squadra. Emblematico il caso di Genova. Fonseca ha dato fiducia inizialmente a Borja Mayoral, ma ha saputo correggersi in corso avanzando Mkhitaryan. In questo momento Dzeko non è neppure il capocannoniere della rosa anche perchè ha giocato molto meno del passato: 7 presenze per un totale di 495 minuti. Nel 2019, sempre con Fonseca allenatore, aveva già giocato 794 minuti nelle prime 10 partite. I migliori realizzatori della Roma sono Veretout, Mkhitaryan e Pedro a quota 4. Ciò che colpisce è la produzione offensiva generale. La Roma sta imparando a segnare in vari modi, ad esempio su piazzato. Ha migliorato anche la pericolosità dei tiri: è al comando di quelli nello specchio con 53. 16 gol in campionato, tanti quanto la stagione 2016/2017. Il tutto senza sacrificare equilibrio.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE

I più letti

CLASSIFICA SERIE A